Basket, in serie D la Cestistica Torrenovese si gioca il primato contro...

    Basket, in serie D la Cestistica Torrenovese si gioca il primato contro la corazzata Balestrate

    Dopo l’esordio con vittoria contro la Nuova Agatirno, per la Cestistica Torrenovese è tempo di concentrarsi sulla sfida del PalaTorre di oggi pomeriggio alle 18 contro la Fortitudo Balestrate, una delle formazioni più accreditate alla vittoria finale del campionato. A parlare della sfida è Antonino Urso, migliore in campo nell’esordio stagionale con 30 punti nella vittoria di Capo d’Orlando. “È vero, abbiamo fatto un ottimo esordio anche perché venivamo da un precampionato abbastanza complesso per via di alcuni infortuni che non ci hanno permesso di avere punti di riferimento importanti per il nostro tipo di gioco – esordisce il lungo della Cestistica – ma la prestazione contro l’Agatirno è stata molto buona. Vedere Claudio Papa, con i suoi 37 anni, buttarsi su ogni pallone vagante con quella voglia di vincere nei suoi occhi e non mollare mai credo sia la fotografia dello spirito di questa squadra. Sono certo che con questo atteggiamento e questa attitudine potremo toglierci tante soddisfazioni e, perché no, lottare per i primi posti”. Il gioco della squadra di coach Bacilleri è stato molto positivo nonostante le assenze dei lunghi Mondello e Scarlata, fuori per infortunio. Segno che la squadra è rimasta “sul pezzo” anche priva di due giocatori di grossa esperienza. “Mi auguro che i ragazzi possano recuperare per la gara contro la Fortitudo Balestrate, così da potercela giocare con il roster al completo. Balestrate è una squadra molto temibile, all’esordio ha vinto ai 60 punti e ha portato 4 giocatori in doppia cifra (Calo´ 20, Ajola 14, Bottiglia 11, Valenti 10), difendono aggressivi. Noi però possiamo e dobbiamo sfruttare il reparto lunghi perché penso e credo che per molti aspetti sia il più completo di questo campionato. Abbiamo atleticità, forza, esperienza, tiro da fuori e post basso. Per battere la squadra palermitana dunque ci vorrà tanto impegno, ma facendo arrivare la palla sotto canestro potremo avere molte più possibilità di portare a casa il match”. Il lungo delle Aquile è fiducioso sulla stagione della Cestistica Torrenovese, ed è convinto che questa squadra possa fare cose molto positive, facendo sognare i tifosi. “Entriamo in campo con la convinzione di poter battere chiunque, quindi non mi sorprenderei se a metà stagione ci trovassimo in alta classifica. Personalmente credo che potremmo giocarci l’accesso ai play-off, ma lo potremo fare solo nel girone di ritorno, quando i nostri tifosi, che da sempre sono stati determinanti ed un valore aggiunto, possano aiutarci a rimanere imbattuti al Palatorre come negli ultimi due anni nessuno. Penso che loro, come noi – conclude Urso – vogliano che questa imbattibilità interna alla quale teniamo molto continui, ma potremo farlo solo con loro aiuto”.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.