Milazzo: rubava gasolio dagli autocompattatori della ditta, arrestato

    Milazzo: rubava gasolio dagli autocompattatori della ditta, arrestato

    MILAZZO – Rubava gasolio alla ditta per cui lavora. Scoperto, è stato arrestato dalla Polizia stradale di S.Agata Militello e Barcellona Pozzo di Gotto. Si tratta di Stefano La Spada, nato e residente a Milazzo, 54 anni, dipendente della ditta che si occupa della raccolta rifiuti urbani di Milazzo. L’uomo, arrestato ieri, è accusato di furto aggravato. La Spada si occupava giornalmente del trasporto dei rifiuti da Milazzo fino alla discarica di Catania. Effettuato il servizio, l’autista riconduceva il mezzo all’interno del deposito della società. Ma ieri, durante il regolare percorso giornaliero, il dipendente ha fatto una prima sosta non prevista poco prima di imboccare la A20, durante la quale ha preso e caricato sull’autocompattatore bidoni e sacchi di plastica nascosti dietro un cespuglio sul ciglio della strada. Un secondo stop fuori programma l’ha poi fatto al rientro da Catania, in una piazzola di sosta, dove ha riempito, servendosi di un pezzo di tubo di gomma, ben tre bidoni di carburante prelevato dallo stesso autocompattatore. Ultima sosta, prima del rientro nel deposito della società di raccolta rifiuti, quella per trasferire i tre bidoni pieni di gasolio nel cofano di un’automobile parcheggiata poco prima, risultata poi essere di sua proprietà. L’uomo non ha raggiunto il deposito perché è stato bloccato e arrestato in flagranza dai poliziotti che ne seguivano i singoli spostamenti dal mattino. L’indagine era partita dai cospicui incrementi di spesa per il rifornimento dei mezzi della società registrati negli ultimi tempi, causando alla ditta un presunto danno di circa 20.000 euro.
    Il dipendente arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.
    All’interno dell’automobile su cui ha caricato i tre bidoni di gasolio, i poliziotti hanno rinvenuto un contrassegno assicurativo di una nota compagnia, con scadenza dicembre 2015, ritenuto falso. Il tagliando è stato sequestrato insieme all’auto, ai tre bidoni pieni di carburante, ad altri vuoti e al tubo di gomma.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.