Capo d’Orlando, 90 imprese interessate all’ex scalo merci

    Capo d’Orlando, 90 imprese interessate all’ex scalo merci

    CAPO D’ORLANDO – Sarebbero ben 90 le ditte interessate al project financing per la realizzazione del palazzo del Turismo che dovrebbe sorgere dalla riqualificazione dell’ex scalo merci a Capo d’Orlando. Un vecchio fabbricato, di circa 200 mq, che campeggia nel parcheggio della ex stazione ferroviaria. Ad attirare i possibili investitori, la rimodulazione del bando di gara che adesso prevede un bonus di 100 mila euro per l’impresa che si aggiudicherà l’appalto, in aggiunta ad un terreno. Il nuovo edificio dovrebbe ospitare l’ufficio turistico comunale e la Polizia municipale.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.