Piraino: la giunta reintroduce Tasi e Irpef, i consiglieri ricorrono alla giustizia...

    Piraino: la giunta reintroduce Tasi e Irpef, i consiglieri ricorrono alla giustizia amministrativa

    PIRAINO – I consiglieri comunali dei gruppi Nuova Piraino e Semplicemente Piraino hanno dato incarico ad un legale per annullare gli aumenti di Tasi e Irpef comunale reintrodotti dalla giunta dopo che il consiglio comunale ne aveva votato l’azzeramento. I consiglieri avevano prima chiesto la revoca delle due determine sindacali e delle delibere di Giunta, ed oggi hanno deciso di adire le vie legali. L’iniziativa è stata resa nota dagli stessi consiglieri di opposizione, che hanno annunciato il ricorso alla giustizia amministrativa.
    Il Consiglio Comunale di Piraino, nella seduta dello scorso 23 settembre, aveva provveduto ad azzerare il tributo per i servizi indivisibili (TASI) per l’anno 2015. Precedentemente, già nello scorso febbraio lo stesso Consiglio Comunale aveva deliberato di abbassare l’addizionale comunale IRPEF riducendo l’aliquota massima applicabile dal’8 al 5 per mille. L’azione politica era stata condotta dai due gruppi consiliari formati da Maurizio Ruggeri, Mimma Repici, Pippo Spanò Bascio e Pino Campisi per Nuova Piraino, e Pina Saggio, Salvatore Cipriano, Erminia Calabria e Nino Miragliotta del gruppo Semplicemente Piraino. “Si era pensato di ridurre il prelievo fiscale per dare una boccata d’ossigeno alle nostre famiglie, alle nostre imprese e a tutte le attività commerciali operanti a Piraino (200 mila € in meno di tasse in un anno)” scrivono i consiglieri in un comunicato. “Ma con un colpo a sorpresa – continuano – il Sindaco ed il suo mentore estraggono “il coniglio dal cappello” e come in un incanto risuscitano i due tributi che il Consiglio Comunale aveva rispettivamente azzerato (TASI) e ridotto (Addizionale IRPEF) per l’anno 2015”. “Il comportamento tenuto dal sindaco Maniaci e dalla sua giunta è gravissimo – incalzano i consiglieri – ed ha già generato delusione e confusione tra i cittadini, che non sanno se devono o non devono pagare, e disorientamento tra i dipendenti comunali”. “In questa situazione paradossale – prosegue il comunicato – noi consiglieri abbiamo ritenuto necessario prima chiedere al sindaco ed al suo esecutivo la revoca in autotutela delle due determine sindacali e delle relative delibere di giunta municipale con le quali artificiosamente sono state rialzate le aliquote della TASI e dell’Addizionale IRPEF per l’anno 2015, ponendosi in evidente conflitto con le deliberazioni adottate dal Consiglio Comunale. Successivamente visto il silenzio dei nostri amministratori si è ritenuto necessario rivolgersi alla magistratura amministrativa, dando mandato ad un legale (pagandolo con i nostri soldi) affinché agisca per impugnare ed annullare le due determine sindacali e le relative delibere di giunta; tutto ciò – concludono – allo scopo di ristabilire la democrazia che è stata calpestata da questi signori poco rispettosi dell’organo consiliare che rappresenta i cittadini tutti”.
    Nuova Piraino e Semplicemente Piraino chiedono, infine, a sindaco e assessori se decideranno di resistere al ricorso pagando di tasca propria i legali o se utilizzeranno, scrivono testualmente, “i soldi di tutti i pirainesi e, per giunta, contro i pirainesi” dopo questa forzatura amministrativa.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.