Floresta, i numeri del dopo “Ottobrando”

    Floresta, i numeri del dopo “Ottobrando”

    Sebastiano Marzullo (Foto Siciliapress)

    FLORESTA – Chiusa l’edizione 2015 di Ottobrando, è tempo di bilanci. Il sindaco Sebastiano Marzullo tira quindi le somme delle manifestazioni che hanno ottenuto un buon successo, contribuendo a consolidare il meritato riconoscimento di uno degli eventi più importanti del mese di ottobre. I numeri sono di tutto rispetto soprattutto in termini di presenze che, negli otto anni dell’amministrazione Marzullo, “si attestano intorno a cinquecentomila con un ritorno economico per le imprese locali e per l’intero comprensorio nell’ordine di milioni di euro”, come afferma lo stesso primo cittadino. Le dimensioni dell’evento richiedono nuove iniziative per rendere ancora più godibile le manifestazioni dei prossimi anni poiché, al battage pubblicitario che ha fatto conoscere Ottobrando, si aggiunge la diffusione “del passaparola” che, riferito allo straordinario numero di presenze, costituisce un ulteriore efficace veicolo di propaganda destinato a far crescere in modo esponenziale l’importanza della manifestazione. Soddisfazione del sindaco anche per l’ottima riuscita dei seminari sui temi ambientali con particolare riguardo alle tradizioni agrarie del territorio patrocinate dagli atenei di Messina e di Catania nonchè dall’ordine degli ingegneri e degli agronomi delle rispettive province. Seguitissima, soprattutto dai più piccoli, la mostra “insecta” ospitata nel palazzo Landro-Scalisi che ha avuto quale qualificato anfitrione il dottor Francesco Cancellieri che è già al lavoro per realizzare a Floresta un centro di educazione ambientale che si propone anche l’ambizioso obiettivo di avere ospite il senatore statunitense, ex vice presidente nell’amministrazione Clinton ed ex candidato alla Casa Bianca, Al Gore paladino mondiale in difesa dell’ambiente.

    Condividi:
    giuseppe.spignola (at) anni60news.com Giuseppe Spignola, giornalista, autore, speaker e conduttore radio/tv. Sono da sempre un grande appassionato di musica, media, giornalismo e comunicazione. Già dalla giovane età (sono nato nel luglio del 1975), ho cominciato a frequentare il mondo della radio e dei media in generale, seguendone costantemente l’evoluzione tecnologica, aggiornandomi e facendo diventare la mia passione un vero e proprio lavoro che svolgo da professionista ormai da oltre vent’anni di cui quasi dieci in forza al gruppo Radio Italia con esperienze di lavoro anche in ambito nazionale presso la sede centrale di Milano del Gruppo. Dal 2010 organico di Radio Italia Anni 60 (Eventi Srl); dal 2012 iscritto all’Albo Nazionale dei Giornalisti nell’elenco Pubblicisti, sono redattore di anni60news.com, collaboro con il Giornale di Sicilia e con alcune emittenti televisive. Nella mia attività, organizzo e presento eventi di informazione, intrattenimento e varietà; il mio primo amore però è la radio dove curo e conduco ogni giorno il programma Anni 60 Magazine che si occupa anche di rubriche e interviste che faccio a vari personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, della politica e della società. Sono un cultore della musica e dello stile di vita degli anni 80; amo i motori: in particolare la Vespa e le auto. Nel tempo libero viaggio, ascolto, osservo, scrivo, leggo.