Calcio, serie D, inizia il conto alla rovescia per l’atteso derby Due...

    Calcio, serie D, inizia il conto alla rovescia per l’atteso derby Due Torri-Siracusa

    Ovviamente c’è grande carica ed entusiasmo nell’ambiente del Due Torri, dopo l’ottimo risultato fuori delle mura amiche con il Marsala, ma subito si presenta un’altra gara abbastanza difficile, dato che domenica prossima arriva il Siracusa un avversario di tutto rispetto, un big match di alta classifica con la squadra siracusana che verrà a Gliaca per cercare di prendere punti con almeno un centinaio di tifosi al seguito. Ma di fronte troverà come sempre un Due Torri battagliero che vuole confermare l’ottimo momento, sia fuori casa, sia tra le mura amiche per cercare punti per la salvezza. “Per quanto mi riguarda bisogna parlare solo di salvezza – ci spiega il tecnico Antonio Venuto, noi l’anno scorso abbiamo fatto un grande prodigio, ottenendo un ottimo settimo posto, quest’anno ci troviamo al quarto posto, ma questo non ci deve illudere per niente, veniamo da una bellissima vittoria in quel di Marsala dove abbiano dato prova di temperamento, di carattere e di gioco. Una vittoria che ci ha proiettato momentaneamente nell’alta classifica, alla vigilia di una partitissima terza contro quarta contro la favoritissima Siracusa che assieme alla Cavese lotta per poter vincere questo campionato. Siamo orgogliosi di affrontare questo Siracusa in un momento felice per noi. La gara di domenica, come sempre il Due Torri la interpreterà al meglio per conquistare punti importanti per la salvezza. Parleremo sempre di raggiungimento della salvezza, perché la nostra squadra è formata da tantissimi giovani e la rosa quest’anno in alcuni reparti è stata rinnovata. Obiettivamente in un campionato dove ci sono Reggina, Cavese, Siracusa, Agropoli, Frattese, Vibonese e Marsala, noi dobbiamo pensare esclusivamente con grande umiltà e grande onestà alla salvezza. Al momento siamo contenti di aver racimolato questi punti che ci torneranno utili alla fine, ma siamo anche consapevoli che prima o poi queste grandissime squadre usciranno fuori e saranno dolori. Noi dobbiamo continuare a lavorare come stiamo facendo, con grande applicazione con grande tenacia con grande voglia di fare bene perché siamo fermamente convinti che solo attraverso i risultati, molti dei ragazzi potranno emergere da questo calcio dilettantistico. E’ una scommessa, sottolinea Venuto, per i tanti giovani che abbiamo nel Due Torri, se i miei giocatori faranno bene, per loro si potrebbero aprire spiragli importanti nella loro futura carriera calcistica. Nella mentalità del Due Torri, nella mia, c’è sempre stata la voglia di fare bene di vincere sempre e sarà cosi anche per domenica contro il fortissimo Siracusa”. Per il tecnico pirainese, anche l’imbarazzo di chi mandare in campo, dato che ad eccezione dell’attaccante Jonis Khoris (che dovrebbe rientrare domenica 13 novembre), tutti risponderanno presente e tutti vorranno essere protagonisti davanti ad un pubblico, si prevede, delle grandi occasioni, che riempirà le gradinate dell’Enzo Vasi. Chi non dovrà cercare un posto in squadra sarà sicuramente il portiere Ingrassia, rientrato contro il Marsala (dopo i 380’ di imbattibilità di Paterniti), che da titolare dovrà dare come sempre il meglio di se e chiudere ogni varco al forte reparto offensivo del Siracusa. La società ASD Due Torri, in occasione dell’importante derby comunica che è stata indetta la “Giornata Biancorossa”. Pertanto non saranno validi tessere e tagliandi omaggio. Sarà possibile acquistare i tagliandi in prelazione presso i seguenti locali: Tempo Verde, via Nazionale Gliaca di Piraino e Snack Bar, via Nazionale Gliaca di Piraino

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.