1.500 posti per giovani nella Marina Militare

    1.500 posti per giovani nella Marina Militare

    Il ministero della Difesa ha pubblicato un bando per il reclutamento di 1.500 giovani che vogliano entrare a far parte della Marina militare come Volontari in ferma prefissata di un anno (Vfp 1). E’ il primo passo da fare se si volesse intraprendere una carriera nelle forze armate, che apre le porte a diversi percorsi di carriera: la possibilità di partecipare ai concorsi per Volontari in ferma prefissata di quattro anni (Vfp 4) e in seguito a quelli per Volontari in ferma permanente, sia nella Marina che in tutti i concorsi per forze armate (Esercito, Guardia di Finanzia, Polizia, Carabinieri). I 1.500 posti sono divisi tra 1.000 che verraano assegnati nelle Capitanerie di Porto (di cui sei per il settore aeromobili) e 500 per il Corpo equipaggi militari marittimi: 360 impiego navale, 60 anfibi, 30 incursori, 15 palombari, 20 sommergibilisti e 15 per l’area aeromobili.
    Al bando possono partecipare tutti i giovani dai 18 ai 25 anni compiuti, che siano in possesso di cittadinanza italiana, che godano dei diritti politici, non abbiano subito condanne penali e posseggano il diploma di scuola media o di scuola superiore. Non possono partecipare i candidati che risultino dipendenti da alcol o che assumano, anche saltuariamente, droghe psicotrope. Per l’ammissione in alcune categorie è richiesto il diploma nautico, mentre il concorso per palombari e incursori è riservato soltanto agli uomini. Tutta la procedura avviene online e per inoltrare la candidatura c’è tempo fino al 12 novembre. Bisogna registrarsi sul sito www. concorsidifesa. it/ – dove è possibile consultare il bando – compilare il form online seguendo i passaggi indicati e inviare la candidatura. Al momento della compilazione del form bisognerà indicare per quale categoria si sta concorrendo. Se non si dovesse essere selezionati per la categoria richiesta, si verrà automaticamente trasferiti in un’altra.
    I vincitori verranno subito inseriti in un percorso di addestramento che sarà effettuato per una parte dell’anno a Taranto e per l’altra direttamente sul campo, con missioni sia sul territorio nazionale che all’estero.
    Durante l’anno di addestramento lo stipendio ammonta a circa 850 euro al mese, il 60 per cento della paga di un militare in servizio permanente. L’alloggio è offerto dalla Marina, mentre le spese per il vitto sono a carico delle reclute. Al termine dell’anno si potrà richiedere di continuare a essere impiegati nei rispettivi reparti, in attesa di potere partecipare a uno dei concorsi per Vfp 4 banditi quasi ogni anno dal ministero della Difesa.

    Condividi: