Spadafora, le scuole del territorio in visita al Labforma

    Spadafora, le scuole del territorio in visita al Labforma

    I ragazzi del liceo scientifico di Spadafora in visita al Labforma

    SPADAFORA – Ha registrato un’ottima affluenza la mostra “Forma e colore nella ceramica artistica siciliana”, a cura della giovane spadaforese Cristina Lopresti. L’esposizione, al Museo Lab Forma, presso il Museo dell’argilla, si è conclusa l’11 novembre. Numerosi visitatori, molti del settore, hanno potuto apprezzare le opere di ben 26 artisti provenienti da 8 centri produttivi della Sicilia.
    Grande entusiasmo ed interesse sono stati espressi da un proficuo numero di cittadini, esperti e tecnici, per la visita all’intero centro polifunzionale sperimentale, museo-scuola-laboratorio, dotato di attrezzature innovative.
    A popolare gli spazi del Labforma anche le scuole del territorio. Diverse le visite guidate con protagonisti gli studenti. Ed in particolare alcune classi del liceo scientifico di Spadafora, compreso l’indirizzo “Scienze Applicate”, dell’Istituto tecnico, economico e tecnologico “Leonardo da Vinci” di Milazzo, settori “Grafica e comunicazioni”, “Turismo”, “Costruzioni, ambiente e territorio”, del liceo artistico di Spadafora, indirizzo “Design della ceramica”. Ragazzi ed insegnanti hanno visitato la mostra regionale di ceramiche artistiche, l’aula didattica-Centro Pon, sede di prossimi corsi di formazione. A guidare gli alunni nei laboratori il direttore dell’esecuzione Ranieri Wanderlingh per la parte relativa alla ceramica artistica decorata e per la vetro-fusione e gli assistenti del “Laboratorio Forma”: Mario De Francesco e Giovanni Ferrito per le macchine a controllo numerico, per la stampa e la scansione 3d e Giuseppe Giordano per la stampa 2d. Tanta curiosità e numerose le domande poste da studenti e docenti.

    Prossimo appuntamento in programma sabato 28 novembre, dalle ore 10 alle 13, con il workshop “Beni culturali e cultura del tempo reale”. L’incontro ha lo scopo di mettere a fuoco il tema dell’innovazione culturale e tecnologica, in Sicilia, negli ambiti connessi alla creatività ed all’ingegno. La tavola rotonda sarà tenuta da operatori istituzionali e professionali.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.