Milazzo discute in consiglio gli aiuti a Bastione, l’opposizione accusa: “Diktat che...

    Milazzo discute in consiglio gli aiuti a Bastione, l’opposizione accusa: “Diktat che ledono gli interessi dei cittadini”

    Foto di repertorio

    MILAZZO – “Ancora una volta, ieri sera in aula, la maggioranza che appoggia l’attuale amministrazione Formica, ha dimostrato quanto poco interesse nutra nei confronti di chi ha necessità di essere aiutato dalle istituzioni”. Esordiscono i così i consiglieri comunali di Milazzo Futura e Città attiva, all’indomani del consiglio comunale di Milazzo. “Dopo avere presentato una mozione su Bastione che riguardava solo ed esclusivamente un impegno per l’amministrazione di scrivere una lettera con richiesta di interventi alla Regione, i consiglieri di maggioranza hanno perso il lume della ragione politica per la presentazione di tre emendamenti presentati dal consigliere Simone Magistri e dal consigliere Giuseppe Midili – continua la nota – . Negli emendamenti si chiedeva di impegnare l’amministrazione comunale ad applicare, agli abitanti di Bastione colpiti dall’esondazione dello scorso mese, l’esenzione dai tributi prevista dal regolamento comunale; a rateizzare in modo ragionevole le somme già dovute al Comune per i periodi antecedenti l’esondazione del 2015 ed a prevedere nel PRG un blocco di costruzioni o di insediamenti che possano in qualche modo creare pregiudizio e pericolo alla già precaria situazione legata al territorio di Bastione”. Inoltre, nell’emendamento del consigliere Midili si chiedeva di impegnare l’amministrazione ad individuare delle somme nel bilancio 2015 che fossero di primo ed immediato sostegno alle famiglie di Bastione. “A questo punto è scoppiato il caos – scrivono i consiglieri – . La maggioranza ha chiesto una sospensione dei lavori e trafelata ha incontrato il Sindaco nella sala riunioni del consiglio. I cinque minuti di sospensione richiesti sono diventati oltre trenta. Al termine della riunione fiume i consiglieri di maggioranza, assistiti dagli indirizzi politici del Sindaco, rientrano in aula ed annunciano, con motivazioni surreali, che voteranno contro gli emendamenti dell’opposizione e che magari in altre sedute saranno loro a presentare delle mozioni con gli stessi motivi che avrebbero di lì a poco bocciato in aula”. Per i consiglieri di Milazzo Futura e Città attiva si tratta di “un atto gravissimo, politicamente, che colpisce non l’opposizione ma gli abitanti di Bastione ai quali, a parole, il Sindaco e la maggioranza dicono di essere di aiuto ma nei fatti votano contro tre proposte che tutelano i loro interessi ed i loro diritti. L’aiuto della maggioranza – prosegue la nota – consiste in una lettera da indirizzare al Presidente della Regione, gli aiuti economici e di supporto al territorio proposti dall’opposizione invece andavano bocciati proprio perché provenivano dall’opposizione. Su Bastione – si legge ancora – riteniamo che non esistano maggioranza ed opposizione ma solo la volontà, che credevamo comune, di dare risposte concrete. La maggioranza ha dimostrato il contrario”. “Non è con atti di forza – concludono i consiglieri – che si dimostra di fare politica e chi, nelle fila della maggioranza, ha avuto un minimo di coerenza, ha correttamente abbandonato l’aula senza rispondere a diktat che ledono gli interessi dei cittadini e mortificano il senso della democrazia. Ieri sera in aula è stata scritta una delle pagine più brutte della politica cittadina della quale la maggioranza si dovrà assumere la responsabilità”.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.