Psr Sicilia, Cracolici: “A dicembre approvazione a Bruxelles”

    Psr Sicilia, Cracolici: “A dicembre approvazione a Bruxelles”

    ?

    GALATI MAMERTINO – “Un modello a sportello per il prossimo Psr nel quale ogni tre mesi si possa aprire una finestra per accedere al contributo nello stesso istante in cui si è in grado di attivare il finanziamento”. È l’idea dall’assessore regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici, lanciata al Festival del giornalismo enogastronomico a Galati Mamertino. “Dall’istanza al finanziamento passano due anni – ha detto Cracolici – sono due anni che cambiano la storia in termini finanziari, di mercato e nei termini nei quali tu operi nel contesto. Pensavo ad un modello a sportello anche come tempi un modo per ridurre l’intermediazione”.
    “Il 10 dicembre – ha aggiunto – sarò alla riunione a Bruxelles per l’approvazione del Psr da 2,2 miliardi. Occorre concentrare per evitare inutili burocrazie. Non deve essere la Regione l’interfaccia con l’imprenditore ma il territorio, avendo un obiettivo strategico. Occorre anche conoscere meglio i meccanismi per sfruttare i fondi nazionali”. (Fonte Sicilia Agricoltura)

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.