Barcellona, siglato l’accordo con la ex Provincia per il nuovo ponte di...

    Barcellona, siglato l’accordo con la ex Provincia per il nuovo ponte di Calderà

    BARCELLONA POZZO DI GOTTO – E’ stato siglato l’accordo di programma tra la Città Metropolitana di Messina ed il Comune di Barcellona Pozzo di Gotto finalizzato alla realizzazione del nuovo ponte di Calderà. La viabilità garantita dalla precedente struttura, crollata in occasione dell’alluvione del 22 novembre 2011, è attualmente assicurata da un ponte provvisorio tipo Bailey che, tuttavia, non riesce a supplire le esigenze di mobilità della zona. Il progetto definitivo per la realizzazione del nuovo manufatto è stato già redatto dai tecnici di Palazzo dei Leoni e l’importo complessivo per la costruzione dell’opera ammonta a 2.400.000 euro; il finanziamento sarà interamente a carico del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto. L’accordo costituisce la fase propedeutica per il ripristino dell’asse viario che collega Milazzo alla città del Longano. Il progetto prevede la realizzazione di un viadotto ad unica campata e la lunghezza del tratto di ponte tra i due appoggi sarà di circa 42 metri.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.