Calcio, i “cattivi” messinesi dalla serie D alla Promozione

    Calcio, i “cattivi” messinesi dalla serie D alla Promozione

    Giudice sportivo al lavoro come ogni mercoledi. In serie D il difensore Stefano Acquaviva del Due Torri, avendo rimediato il quinto cartellino giallo, salterà la prossima trasferta sul campo del Città di Gragnano, club multato con 1.500 € e diffida “per avere propri sostenitori in campo avverso: lanciato sputi all’indirizzo di un A.A. attingendolo alla divisa, sulla schiena, sul collo e sul viso; lanciato un’asta di plastica di circa due metri sul terreno di gioco”. Insomma il clima domenica si annuncia caliente per gli uomini di Venuto. In Eccellenza il Giudice Sportivo ha respinto il ricorso del Modica contro l’Orlandina, colpevole secondo la società ragusana, di aver inserito in distinta dieci calciatori non tesserati. Dopo gli opportuni accertamenti, è stato confermato il risultato del campo, con i paladini vittoriosi per 0-1 in trasferta dieci giorni fa. Sei i calciatori squalificati, tutti per una giornata con lo Sporting Taormina che dovrà fare a meno di Filistad. In Promozione fermato per un turno Durante del Camaro e Codagnone del Città di Messina, che non ci saranno nella stracittadina di sabato al “Marullo”, e Campo del Pistunina e Furnari della Messana che, invece, salteranno quella di domenica al “Garden Sport” di Mili Marina. Tre giornate di squalifica per Lorenzo Curasì de L’Iniziativa, espulso nel match contro la Santangiolese “per grave atto di violenza nei confronti di un calciatore avversario”. La società di San Piero Patti, inoltre, dovrà fare a meno di Addamo e Spinella per la prossima partita contro il Merì. Squalificati per due gare Nino Naro (Santangiolese), una Quintoni (Città di S.Filippo del Mela), Smiroldo (Jonica F.C.), Tuccio (Sinagra), Chillari (Barcellona P.G.), Campo (Pistunina) e Quattrocchi (Merì).

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.