Capo d’Orlando, la “smart city” è realtà: arrivato il primo bus a...

    Capo d’Orlando, la “smart city” è realtà: arrivato il primo bus a idrogeno

    CAPO D’ORLANDO – Si chiamano celle a combustibile ad idrogeno e rappresentano la nuova frontiera della mobilità urbana eco-sostenibile. Generano energia elettrica dalla reazione tra l’idrogeno (combustibile) e un gas ossidante (l’ossigeno, per esempio), e lo fanno tramite processi diversi, il più utilizzato dei quali è l’elettrolisi. I motori alimentati da fuel cells sono nel futuro dei bus e delle automobili per i vantaggi che offrono, quali basso impatto ambientale, alto rendimento elettrico e co-generazione di calore.
    Un futuro che a Capo d’Orlando è già presente, grazie al progetto di ricerca e sperimentazione i-NEXT per la realizzazione delle “smart city”, che si è concretizzato oggi con la consegna dei primi mezzi a idrogeno all’amministrazione comunale paladina: un pullman da 16 posti, primo bus a idrogeno a circolare sulle strade siciliane, un camioncino per il trasporto merci e due biciclette a pedalata assistita. I mezzi saranno alimentati dalla piattaforma di rifornimento idrogeno installata in contrada Masseria. Un progetto dimostrativo portato avanti dall’Istituto di tecnologie avanzate per l’energia (ITAE), costola del CNR con sede a Messina, Comune di Capo d’Orlando e altri partner.
    La fase di sperimentazione, successiva alle attività di ricerca, viene eseguita sui territori dei Comuni di Capo d’Orlando, di Palermo e presso il Parco Valle dei Templi, dove sarà possibile testare e dimostrare i risultati ottenuti in campo di mobilità, logistica, edifici intelligenti, smart grid, efficienza energetica e produzione di energia elettrica da FER.

    Il progetto di ricerca, lanciato il 4 nevembre 2012, è in linea con il piano d’azione dell’ Unione europea in materia di mobilità urbana e di energie rinnovabili. Il Progetto si colloca nel bando per la ricerca e l’innovazione sul tema “Smart Cities and Communities e Social Innovation”, nelle aree “Smart Mobility and last-mile logistics” (promozione della mobilità urbana e interurbana a basso impatto ambientale e della logistica sostenibile) e “Renewable energy and smart grid” (sviluppo di soluzioni tecnologiche a supporto dell’innovazione nel settore energetico attraverso l’integrazione delle fonti di energia rinnovabili).
    Il progetto i-NEXT sostiene l’innovazione nel settore dei trasporti e della logistica attraverso lo sviluppo di tecnologie e sistemi funzionali a promuovere e sviluppare la mobilità urbana e interurbana sostenibile nonché l’innalzamento dell’efficienza nella gestione dei circuiti di distribuzione dei beni. Il progetto promuove spostamenti più ecologici, meglio organizzati e più semplici tramite un sistema integrato mobilità elettrica/FER (Fonti Energetiche Rinnovabili) che agisce sulla logistica, sul miglioramento dei circuiti di distribuzione, sulla gestione delle risorse energetiche disponibili.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.