Milazzo, progetto europeo per realizzare un Ecoporto

    Milazzo, progetto europeo per realizzare un Ecoporto

    Un esempio di progetto di ecoporto galleggiante

    MILAZZO – Il Comune ha partecipato al programma comunitario tra più Stati per ottenere un finanziamento per lo studio di fattibilità di una struttura portuale ecocompatibile. La misura dell’Ue è denominata “Blue Hubs” e mette a disposizione 600 mila euro per tale studio, somma da ripartire – in caso di accoglimento dell’istanza – con le autorità portuali di Valencia e Alexandroupolis.
    “La nostra città – spiega l’assessore allo sviluppo economico Carmelo Torre – è inserita nel bando Interreg assieme a Spagna, Francia e Grecia e quindi speriamo di essere ammessi a questo finanziamento che rappresenta il primo passo per verificare concretamente l’ipotesi di realizzare questa infrastruttura. Poi seguirà la progettazione ed eventualmente la realizzazione dell’opera per la quale però c’è già l’interesse di finanziatori”. L’assessore evidenzia che l’obiettivo è quello di far nascere un ecoporto galleggiante, ovvero quel sistema che permette di costruire un approdo riducendo al minimo l’impatto ambientale che generalmente ne deriva. L’area individuata è quella compresa tra il circolo del tennis e la chiesa di San Giacomo e l’infrastruttura oltre ad accogliere imbarcazioni di media e grande stazza dovrebbe caratterizzarsi per la presenza di strutture di supporto e altri servizi.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.