Elicottero precipitato a Stromboli: a bordo Alabiso, record del mondo da Gela...

    Elicottero precipitato a Stromboli: a bordo Alabiso, record del mondo da Gela a Capo Nord

    Le vittime dell'incidente, foto tratta da Quotidianodigela.it

    LIPARI – Sono Giuseppe ed Emanuele Alabiso di Gela, padre e figlio, di 61 e 26 anni le vittime dell’ultraleggero precipitato ieri pomeriggio al largo di Stromboli. Viaggiavano verso Foggia sul loro velivolo ultraleggero “Storm 300″ partito da Gela. I due corpi sono stati recuperati dalle motovedette della Guardia Costiera, ritrovati uno intorno alle 3.30 di notte e l’altro all’alba, sono stati trasportati a Milazzo e saranno portati a Messina per l’esame autoptico.
    Giuseppe Alabiso, odontoiatra, nel 2013 stabilì il record del mondo di traversata solitaria di 9.000 chilometri da Gela a Capo Nord, mentre nel 2014 raggiunse la Groenlandia percorrendo 13.000 chilometri. Era scampato alla morte gia’ nel 2004, quando, partito da Roma, il suo aereo ultraleggero precipito’ all’altezza di Sabaudia. Rimase in coma per oltre un mese e poi torno’ a volare.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.