Primo soccorso pediatrico, a Brolo il corso dell’associazione Remì

    Primo soccorso pediatrico, a Brolo il corso dell’associazione Remì

    BROLO – Si è svolto a Brolo, con notevole riscontro da parte di molti genitori, il corso di “Primo soccorso pediatrico” che, nei giorni scorsi, la Remì onlus ha organizzato alla Ludoteca “Alice nel paese delle Meraviglie”.
    L’Associazione di volontariato Remì, costituita nel 2007, su iniziativa di genitori ed operatori sanitari dell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale di Patti, sostiene iniziative rivolte ai nati prematuri ricoverati in TIN e alle loro famiglie.
    Il corso è stato tenuto dai relatori: Luca Ricciardi, titolare della FE.MA onlus che ha presentato le manovre di primo soccorso da effettuare sui piccoli pazienti in condizioni di difficoltà, la dottoressa Antonella Beneficio, psicologa, e il dottore Rosario Germanà, medico cardiologo presso l’UTIC dell’Ospedale di Patti.

    Il presidente dell'associazione Remì, dottor Elio Coletta
    Il presidente dell’associazione Remì, dottor Elio Coletta
    Il dottor Elio Coletta, presidente dell’associazione, ha espresso grande contentezza per l’apprezzamento mostrato dagli intervenuti. Altrettanto soddisfatta la dottoressa Maria Lanza, vice-presidente ed organizzatrice del corso: “vista l’ottima riuscita dell’incontro e le numerose richieste di partecipazione – ha detto – questo corso sarà il primo di una serie di incontri sui quali stiamo lavorando”. Il ricavato delle offerte di partecipazione sarà destinato all’Uoc di Pediatria – TIN dell’Ospedale di Patti, per l’acquisto di quanto necessario ai piccoli prematuri ricoverati in reparto. L’associazione ha voluto anche esprimere, con una nota, un riungraziamento alla dottoressa Domenica Repici, medico pediatra e socio dell’associazione, ad Alice Agnello e Francesco Mairo e tutti coloro che gratuitamente hanno dato il loro contributo di collaborazione al corso.
    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.