Santo Stefano, concluso con successo SposArt 2015

    Santo Stefano, concluso con successo SposArt 2015

    SANTO STEFANO – 5000 mila presenze, 31 espositori, centinaia di accordi sottoscritti, e decine di contratti conclusi. Il dopo SposArt lascia un calendario fitto di appuntamenti. Si è conclusa con questi numeri la seconda edizione del salone degli sposi a Santo Stefano di Camastra. L’evento, organizzato dal Circolo Anspi Chiara Luce di S.Stefano di Camastra, ha avuto come location lo scrigno di palazzo Trabia. Uno scrigno che si è riempito di professionalità, entusiasmo, passione, sacrificio, collaborazione, condivisione e soddisfazione. La Kermesse dedicata al mondo delle nozze ha rivitalizzato la città delle ceramiche in un periodo di bassa stagione, andando oltre le aspettative e i numeri dello scorso anno. Imprenditori ed artigiani hanno fortemente voluto riproporre la manifestazione e già lanciano idea per l’edizione del 2016. Dopo l’apertura di giovedì, con l’esibizione dell’Associazione “Moto Perpetuo”, venerdì è stata la serata della bellezza. Nei corridoi di Palazzo Trabia, le modelle stefanesi Francesca e Martina hanno sfilato con gli abiti di Buonocore arricchiti dalle creazioni del fiorista Angelo Scialabba. Momento clou della serata: “la passeggiata del 700” con abiti dell’epoca, il giovane Vittorio ha accompagnato Jessica cha ha indossato un abito d’arte interamente confezionato a mano da Francesca Marchese, a rendere l’atmosfera ancora più suggestiva, le musiche dell’arpa di Romina Copernico. Sabato poi, spettacolo dei Caffè Express “la magia dei mimi” con giochi di luce e fuoco, il tutto condito da degustazioni e dalle bollicine del prosecco “Muller Thurgau” offerto da Rosario Costanzo capoarea della Cavit. Domenica gran finale con il più classico del sold aut: sfilate degli abiti sposa, sposo e cerimonia, “saluto della dama” con l’abito del 700 indossato da Elisa Catanzaro, giochi piromusicali offerti dalla ditta Tumore, brindisi e lancio del bouquet. “ Non basterebbe tempo per ringraziare tutti – dichiarano Alessandra e Giovanni – abbiamo lavorato con sinergia ed impegno. Insieme abbiamo affrontato imprevisti e difficoltà, cercando di risolvere i problemi senza polemiche e senza infantili competizioni. Per restare in tema – concludono – abbiamo diviso tutto nella buona e nella cattiva sorte. La nostra soddisfazione è aver regalato emozione, gioia e armonia alla nostra S.Stefano”. Alle parole dei due giovani organizzatori fanno eco quelle di Angelo Pedano, imprenditore di punta della zona ed in cabina di regia per SposArt. “Insieme si vince – dice con convinzione Pedano – quando le forse imprenditoriali, commerciali ed artigianali cooperano i risultati arrivano e SposArt ne è la dimostrazione. La kermesse è stata un crocevia di nuovi rapporti e future collaborazioni tra attività affini e complementari che permetteranno agli imprenditori ed artigiani stefanesi di salpare verso un futuro di sviluppo”. Nel duplice ruolo di consigliere comunale e membro del direttivo Anspi, interviene Nina Mingari. “ SposArt è uno degli eventi più importanti di e per S.Stefano – afferma – che consente anche in bassa stagione di avere migliaia di presenze, lanciando S.Stefano non solo come città delle ceramiche ma come centro completo con un solido tessuto imprenditoriale. Abbiamo tutto per competere nel mercato del turismo, dalle bellezze naturali alla vivacità di imprenditori ed artigiani che scommettono ed investono per il futuro di tanti giovani che meritano di rimanere qui e costruirsi un futuro. L’Anspi – conclude Nina Mingari – vuole essere mezzo e motore della comunità, siamo un cantiere aperto che non conosce soste o fermate, infatti stiamo già lavorando ad una nuova iniziativa”. Dai soci dell’Anspi un appello comune: “la famiglia è vita, nucleo e fulcro di società e comunità che non devono perderne il valore ed il rispetto, continuando a credere nel sacramento che è la base di essa e nella sua unità”.

    Condividi: