Tagli all’ospedale di Sant’Agata? Sottile chiama a raccolta sindaci del Distretto

    Tagli all’ospedale di Sant’Agata? Sottile chiama a raccolta sindaci del Distretto

    SANT’AGATA MILITELLO – “L’ospedale di Sant’Agata di Militello rappresenta un punto di riferimento importante per la sanità dei Nebrodi che deve continuare a svolgere una funzione importante nell’assistenza sanitaria anche come polo sanitario degli ospedali riuniti Mistretta-Sant’Agata. Lo ha dichiarato il sindaco di Sant’Agata Militello, Carmelo Sottile, dopo la notizia dei paventati ulteriori tagli ai punti nascita con meno di 500 parti all’anno, annunciati dal Ministro Lorenzin. “Il Distretto Socio-sanitario 31 con la medicina del territorio deve individuare una visione strategica finalizzata alla deospedalizzazione dell’assistenza continua Sottile – limitando i ricoveri alla fase essenziale ed indispensabile dell’ acuzie e demandando la fase post-acuzie ad un progetto di integrazione tra ospedale ed il territorio”. Al fine di garantire l’esistenza dell’ospedale santagatese e di proporre un modello organizzativo dell’intero Distretto socio sanitario D31, Sottile ha indetto per domani alle ore 17.00 presso i locali del Castello Gallego di Sant’Agata di Militello, una riunione a cui ha invitato tutti i sindaci del distretto, la direzione generale dell’Asp Messina, la direzione sanitaria del distretto e dell’ospedale di Sant’Agata di Militello, oltre ai deputati della provincia di Messina e le organizzazioni sindacali mediche e di categoria. All’ordine del giorno le iniziative a sostegno dell’ospedale di Sant’Agata di Militello e il potenziamento dei servizi sanitari del territorio.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.