Patti, arrestato scafista minorenne in custodia a Montagnareale

    Patti, arrestato scafista minorenne in custodia a Montagnareale

    PATTI – Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Patti hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione nei confronti di un 16enne egiziano accusato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Il provvedimento, emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica per i minorenni di Catania, trae origine dalla sentenza di condanna definitiva a 4 anni e 8 mesi di reclusione emessa nei confronti dell’arrestato per fatti risalenti all’8 agosto 2014, giorno in cui una nave della Marina Militare Italiana intercetta un barcone di migranti con a bordo 201 persone, tra cui donne e bambini. Dalle testimonianze dei profughi messi in salvo, raccolte dagli investigatori dell’Arma, è emerso che il giovane faceva parte a pieno titolo del gruppo di scafisti che ha organizzato l’ennesimo viaggio della speranza verso la coste italiane, che questa volta ha riguardato soggetti provenienti dall’Eritrea e dalla Siria, zona notoriamente in guerra e da dove potrebbero anche giungere soggetti riconducibili all’IS. Dello stesso gruppo faceva parte un suo connazionale 18enne, Ahmed Mihamed Kashelan, coimputato nel medesimo procedimento penale e tratto in arresto due giorni fa dai Carabinieri della Compagnia di Messina Sud in quanto condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione.
    Secondo alcuni dei clandestini trasportati i due giovani scafisti svolgevano le mansioni di vivandieri, circostanza che gli consentiva di fruire di quanto contenuto nella cambusa a piacimento, mentre per gli altri imbarcati il cibo era razionato.
    Inoltre erano i conduttori delle imbarcazioni utilizzate durante la tratta, che sono state cambiate più volte nel tragitto dall’Egitto alle coste italiane.
    L’arrestato, fino a ieri sottoposto alla misura cautelare del collocamento in comunità presso una struttura di accoglienza per minori a Montagnareale (ME), terminate le formalità di rito, è stato tradotto presso l’Istituto Penale Minorile di Acireale (CT). Oltre alla pena detentiva, il giovane è stato condannato al pagamento di una multa di 2.010.000 di Euro.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.