Imprese artigiane in Sicilia: Capo d’Orlando in testa, bene anche Lipari e...

    Imprese artigiane in Sicilia: Capo d’Orlando in testa, bene anche Lipari e Patti

    MESSINA – Cresce il numero di occupati nelle micro e piccole imprese (MPI) con meno di venti addetti nella provincia di Messina. E’ il dato che si evince dagli ultimi dati Istat delle imprese attive, elaborati dall’Osservatorio per le MPI di Confartigianato Sicilia. In questa classifica la provincia di Messina, con le imprese che impiegano meno di venti addetti si trova al terzo posto con il 79,9%, preceduta dalla provincia di Trapani con l’84,3%, e da Agrigento con 84,1%. Il 23,6% delle oltre 268 micro e piccole imprese, pari a 63.161 unità, sono artigiane e danno lavoro a 135.262 addetti. «Per quanto riguarda l’incidenza dell’artigianato nella provincia di Messina – dice il presidente provinciale di Confartigianato, Giuseppe Interdonato, i dati sono alquanto confortanti. Il 97,2%, pari a 21.668 persone, sono occupate nel comparto, mentre il 28,1% del numero complessivo di occupati è impiegato in imprese con meno di venti addetti».

    Giuseppe Interdonato
    Giuseppe Interdonato
    L’incidenza sociale delle imprese artigiane con la popolazione residente in Sicilia al 1° gennaio 2015 è pari a quindici imprese ogni 1.000 abitanti. Per quanto riguarda la nostra provincia, in particolare, l’incidenza è superiore, ben 18,2 imprese artigiane ogni 1.000 abitanti. La maggiore incidenza sociale dell’artigianato nei comuni siciliani con più di 10.000 abitanti si registra proprio nella provincia di Messina, e precisamente a Capo d’Orlando, con 411 ditte, pari a 30,9 imprese ogni 1.000 abitanti. Al terzo posto della classifica regionale c’è Lipari, con 327 aziende, pari a 25,9 imprese artigiane ogni 1.000 abitanti; Patti si trova all’undicesimo posto con 281 imprese, che determinano 21,3 imprese ogni 1.000 abitanti. Andando a esaminare la distribuzione per settore delle imprese artigiane, si evince che in provincia di Messina la maggiore incidenza si registra nel settore costruzioni, con il 32,3%. Dati, questi, che certificano l’impegno del presidente Interdonato, insieme al direttore Francesco Giancola e al vice direttore Alessandro Allegra, nel promuovere e sostenere le imprese artigiane in un periodo non certamente positivo per il settore.
    La Confartigianato Imprese Messina negli ultimi tre anni ha inoltre favorito la concessione di prestiti alle imprese artigiane, in modo tale da essere maggiormente vicini alle aziende. A tal proposito la provincia di Messina è al quinto posto (-0,7%) nella classifica nazionale per minor calo del credito concesso a imprese artigiane. Confortante anche il dato del settore manifatturiero. Nella nostra provincia, secondo i dati dell’Osservatorio per le MPI di Confartigianato Sicilia, si registra un incremento del credito alle imprese pari a +16,1%. La provincia di Messina assorbisce il 13,4% dei prestiti concessi agli artigiani siciliani. Segnale, questo, che i nostri affiliati vogliono reagire alla crisi investendo, ammodernando le imprese, rispondendo alla recessione con determinazione.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.