Falcone, non si fermano all’alt, arrestati in autostrada

    Falcone, non si fermano all’alt, arrestati in autostrada

    FALCONE – Sono sfuggiti ad un posto di blocco a Falcone e di seguito, dopo un inseguimento, bloccati ed arrestati nei pressi di Milazzo. Si tratta di Angelo Pirri, 32 anni di Pace del Mela ed Antonino Longo,28 anni, di San Filippo del Mela. Si contesta resistenza a pubblico ufficiale.

    Sono stati i carabinieri della stazione di Falcone, al comando del maresciallo, Angelo Floramo, ad arrestarli nella tarda serata di ieri. Pirri è stato anche denunciato per guida in stato di ebbrezza. Poco dopo le ore 23:20 una pattuglia dei carabinieri di Falcone, mentre effettuava un posto di controllo all’altezza dello svincolo del casello autostradale A/20 all’uscita di Falcone, aveva intimato l’alt ad un’autovettura Audi A3, con a bordo due giovani. Il conducente del mezzo, invece di arrestare il veicolo, ha accelerato la marcia, eludendo il fermo. Ha rischiato di travolgere un carabiniere che, soltanto grazie ai suoi riflessi, è riuscito ad evitare di essere investito. Immediatamente i due carabinieri si sono posti all’inseguimento e tramite la centrale operativa della compagnia dei carabinieri di Barcellona, è stata diramata una nota di ricerca per rintracciare i due giovani in fuga. Diverse pattuglie hanno bloccato i caselli autostradali di Barcellona, Milazzo e Villafranca Tirrena. L’autovettura con i due occupanti, dopo un inseguimento protrattosi fino a Milazzo, è stata raggiunta in prossimità dello svincolo A/20 di Milazzo e fermata dai militari dell’Arma con l’ausilio di una pattuglia della polizia stradale di Barcellona. I due giovani sono stati bloccati, identificati e sottoposti a perquisizione. Pirri, che era alla guida, ha rifiutato di sottoporsi all’esame dell’alcoltest ed è stato denunciato anche per questa violazione. I due sono stati dichiarati in arresto e tradotti ai “domiciliari”, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto, secondo quanto richiesto dal sostituto procuratore della repubblica di Barcellona, Alessandro Liprino.

    Condividi: