Militello Rosmarino, tutto pronto per la terza edizione del Presepe Vivente

    Militello Rosmarino, tutto pronto per la terza edizione del Presepe Vivente

    Da sinistra: Nino Restifo, Don Calogero Oriti, Gaetano Cicirello, Calogero Lo Re, Salvatore Blogna, Ignazio Restifo

    MILITELLO ROSMARINO – Presentata nella sala consiliare di Militello Rosmarino, l’edizione 2015 del Presepe Vivente. La manifestazione – in scena il 26 e 30 dicembre e il 3 gennaio prossimi – coordinata da Salvatore Blogna e giunta quest’anno alla terza edizione, cerca di riconfermare il successo di pubblico e critica già ottenuti in passato. Alla conferenza stampa era presente anche don Calogero Oriti, parroco e presidente del Circolo A.N.S.P.I. San Biagio – l’associazione culturale che ha organizzato l’evento – che ha rimarcato le valenze spirituali e il significato del presepe e del sindaco Calogero Lo Re. Quest’ultimo ha sottolineato l’impegno profuso dalla giovane organizzazione. “Questa edizione farà rivivere la vita di piazza all’interno dell’antico baglio antistante il castello”, dicono Nino Restifo e Salvatore Raffaele, curatori della parte artistica. “Lo spazio aperto era vissuto un tempo come estensione dell’ambiente domestico interno”, proseguono; “non un semplice spazio anonimo, ma teatro della vita quotidiana che sarà rappresentato da attori locali”. Tra le novità, anche l’apertura alle scolaresche in visita; in due mattinate concordate con i dirigenti scolastici del territorio, infatti, saranno resi fruibili i locali del presepe e le scene avranno anche valenza didattica; ai bambini saranno spiegati gli antichi mestieri e gli stili di vita di un tempo ormai lontano. “Il presepe diventa museo vivente e le nuove generazioni potranno toccare con mano la tipica cultura militellana e nebroidea tramandata dagli antenati” spiega Giuseppe Cardillo, responsabile grafico e pubblicitario. Il percorso del presepe vivente di Militello consterà di più di 130 figuranti che rappresenteranno 40 scene delineanti uno spaccato socio-culturale tipico del periodo a cavallo tra la il diciannovesimo il ventesimo secolo. Andrea Saccone, direttore del comparto tecnico, infine ha ricordato che nei due punti di degustazione saranno offerti ai visitatori i prodotti di nicchia del territorio. Ha chiuso gli interventi Simone Di Garbo che ha ringraziato in particolar modo l’organizzazione culturale “Amici di Militello Rosmarino – Filippo Piscitello” di Grumello del Monte, comune in provincia di Bergamo, gemellato con Militello Rosmarino. L’incontro è stato moderato da Gaetano Cicirello.

    Condividi:
    giuseppe.spignola (at) anni60news.com Giuseppe Spignola, giornalista, autore, speaker e conduttore radio/tv. Sono da sempre un grande appassionato di musica, media, giornalismo e comunicazione. Già dalla giovane età (sono nato nel luglio del 1975), ho cominciato a frequentare il mondo della radio e dei media in generale, seguendone costantemente l’evoluzione tecnologica, aggiornandomi e facendo diventare la mia passione un vero e proprio lavoro che svolgo da professionista ormai da oltre vent’anni di cui quasi dieci in forza al gruppo Radio Italia con esperienze di lavoro anche in ambito nazionale presso la sede centrale di Milano del Gruppo. Dal 2010 organico di Radio Italia Anni 60 (Eventi Srl); dal 2012 iscritto all’Albo Nazionale dei Giornalisti nell’elenco Pubblicisti, sono redattore di anni60news.com, collaboro con il Giornale di Sicilia e con alcune emittenti televisive. Nella mia attività, organizzo e presento eventi di informazione, intrattenimento e varietà; il mio primo amore però è la radio dove curo e conduco ogni giorno il programma Anni 60 Magazine che si occupa anche di rubriche e interviste che faccio a vari personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, della politica e della società. Sono un cultore della musica e dello stile di vita degli anni 80; amo i motori: in particolare la Vespa e le auto. Nel tempo libero viaggio, ascolto, osservo, scrivo, leggo.