Sant’Agata. L’Associazione MediterraneaMente e Gal Nebrodi Plus presentano il libro “Selvatica”

    Sant’Agata. L’Associazione MediterraneaMente e Gal Nebrodi Plus presentano il libro “Selvatica”

    Nella foto, da sinistra: Lidia Lo Prinzi, Claudia Miceli, Delfio Bordonaro, Venera Simeone, Francesco Calanna, Pippo Rizzo.

    SANT’AGATA MILITELLO – Il nuovissimo auditorium dell’istituto tecnico industriale “Torricelli” di Sant’Agata Militello, ha ospitato la presentazione della pubblicazione “Selvatica”, le erbe Alimurgiche del Territorio dei Nebrodi”. Il progetto è stato realizzato dall’Associazione culturale MediterraneaMente e dal Gal Nebrodi Plus e nasce dall’attenzione riservata al territorio dei Nebrodi verso un tema, quello delle erbe selvatiche, quale elemento di sintesi capace di raccogliere in sé usi, costumi, lingue, tradizioni, stili di vita e regimi alimentari del comprensorio. La sinergia tra MediterraneaMente e il Gal Nebrodi Plus, ha trovato applicazione tra le attività del piano di comunicazione dell’Ente. L’evento, aperto a tutti, era particolarmente indicato agli appassionati che intendono approfondire le loro conoscenze sull’utilizzo delle erbe selvatiche dei Nebrodi, le loro caratteristiche e proprietà, ma anche a chi si interessa alla relazione tra cucina, conoscenza del patrimonio storico e salute. Il libro tratta diversi punti vista legati all’approccio alimurgico; la valorizzazione delle “erbe selvatiche” nei diversi usi e nelle preparazioni alimentari, rappresenta un vero e proprio intervento di salvaguardia della biodiversità del nostro territorio. I lavori sono stati aperti dalla dirigente dell’istituto, Venera Maria Simeone. All’incontro hanno preso parte gli studenti delle quarte e quinte classi con indirizzo didattico in chimica, coordinati dal docente Angelo Mancuso. Gli interventi hanno riguardato diversi ambiti che sono stati trattati dai professionisti intervenuti ciascuno per le rispettive competenze; il farmacista Pippo Rizzo ha disegnato tutte le corrispondenze circa l’uso delle erbe alimurgiche in cucina, ampiamente diffuso sui Nebrodi, “imparando però a distinguerle per non rischiare di intossicarsi”; la dietista Lidia Lo Prinzi è intervenuta con un passaggio dedicato al cibo come medicina illustrando lo “stretto rapporto tra uomo, ambiente e alimentazione nel corso della storia”, mentre la psicologa Claudia Miceli ha parlato della “consapevolezza ecologica fondata sulla concezione dell’organismo-ambiente come totalità organica”. La premessa è stata appannaggio del curatore della pubblicazione, Delfio Bordonaro, che ha raccontato la genesi del libro partendo dal racconto di attività precedenti e propedeutiche che hanno riguardato molteplici realtà coinvolgendo singoli individui, istituzioni e associazioni di volontariato. “In tutti questi percorsi”, dice, “abbiamo riscontrato la comune passione per la natura e la salute”. Infine, il presidente del Gal Nebrodi Plus, Francesco Calanna, ha ringraziato gli autori del libro per aver voluto “condividere conoscenze, competenze e ricerche per tramandarle alle nuove generazioni contribuendo così a stimolare amore per il territorio nebroideo”.

    Condividi:
    giuseppe.spignola (at) anni60news.com Giuseppe Spignola, giornalista, autore, speaker e conduttore radio/tv. Sono da sempre un grande appassionato di musica, media, giornalismo e comunicazione. Già dalla giovane età (sono nato nel luglio del 1975), ho cominciato a frequentare il mondo della radio e dei media in generale, seguendone costantemente l’evoluzione tecnologica, aggiornandomi e facendo diventare la mia passione un vero e proprio lavoro che svolgo da professionista ormai da oltre vent’anni di cui quasi dieci in forza al gruppo Radio Italia con esperienze di lavoro anche in ambito nazionale presso la sede centrale di Milano del Gruppo. Dal 2010 organico di Radio Italia Anni 60 (Eventi Srl); dal 2012 iscritto all’Albo Nazionale dei Giornalisti nell’elenco Pubblicisti, sono redattore di anni60news.com, collaboro con il Giornale di Sicilia e con alcune emittenti televisive. Nella mia attività, organizzo e presento eventi di informazione, intrattenimento e varietà; il mio primo amore però è la radio dove curo e conduco ogni giorno il programma Anni 60 Magazine che si occupa anche di rubriche e interviste che faccio a vari personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, della politica e della società. Sono un cultore della musica e dello stile di vita degli anni 80; amo i motori: in particolare la Vespa e le auto. Nel tempo libero viaggio, ascolto, osservo, scrivo, leggo.