Pallavolo, S.Teresa beffata in B1 donne, la Ricciardello Brolo in B2 uomini

    Pallavolo, S.Teresa beffata in B1 donne, la Ricciardello Brolo in B2 uomini

    Tie-break ancora amaro per il MAM Volley Santa Teresa che cede in casa contro il Napoli Volley al termine di una gara in cui le due squadre nei primi quattro set hanno girato sottosopra il copione dandosi battaglia nel quinto game culminato ai vantaggi. Risolto in settimana il rapporto di collaborazione sportiva con Fabiola Ferro, coach Rondinelli riportava in P4 il capitano Nelly Mazzulla al fianco di Sara Cortelazzo, centrali Rotondo e Bilardi, fuori mano Ruberti, in regia Agostinetto con il rientro nel ruolo di libero di Federica Pietrangeli.
    Il primo set scivolava facile per le padrone di casa che chiudevano a loro favore col punteggio di 25-15 dopo aver virato prima sull’8-4 e poi sul 16-12. La seconda frazione di gioco registrava una brusca frenata delle santateresine che soccombevano per 18-25 dopo essere state sempre sotto. Sul 17-23 Ambra Composto prendeva il posto di Silvia Bilardi. Il terzo set registrava la rabbiosa reazione del MAM che chiudeva facile sul 25-15. Sul punteggio di 23-11 Composto subentrava a Bilardi per restare in campo sino alla fine. Il quarto parziale confermava la tendenza ondivaga della contesa e vedeva le campane imporsi per 18-25. Sul 10-15 Verdiana Saporito sostitutiva Sara Ruberti per restare in campo sino alla fine. Il quinto ed ultimo set era un susseguirsi di emozioni con Napoli avanti 6-8 al giro di boa. Sul 7-11 la partita sembrava chiusa, a scuotere le siciliane il ritorno in campo di Bilardi (al posto di Rotondo) che con un buon turno al sevizio metteva Santa Teresa avanti sul 13-12. Break di tre punti campano e 13-15 finale. Da registrare l’ottima prova in ricezione (63 %) e difesa di Nelly Mazzulla e l’attività offensiva di Sara Cortelazzo (top scorer con 17 punti tra cui 4 ace). Notizie confortanti anche sul fronte Federica Pietrangeli al rientro dopo circa un mese di fermo. Bene anche Silvia Bilardi quando è rimasta in campo. A fine gara Vincenzo Rondinelli non cerca alibi: “Abbiamo fatto una brutta prestazione. Con tutto il rispetto per gli avversari la sconfitta è soprattutto demerito nostro. Dispiace per la società e per il pubblico. Il momento è difficile e solo stando uniti ne potremo uscire rinvigoriti”.
    Tabellino:
    MAM Volley Santa Teresa – Napoli Volley 2-3
    Set: 25-16. 18-25. 25-15. 18-25. 13-15.
    MAM Volley Santa Teresa: Bilardi 8, Rotondo 6, Agostinetto 7, Mazzulla 5, Cortelazzo 17, Ruberti 10, Pietrangeli (L), Composto 4, Saporito 2, Caruso, Orlando, Triolo (L2). Allenatore: Rondinelli.
    Alla vigilia di una sfida che lascia le ioniche in ottava posizione nel girone D, importante riconoscimento per la società santateresina che a Palermo ha ricuto il premio dell’Anno Ussi Sicilia. I giornalisti sportivi siciliani hanno deciso di conferire alla società il ” Premio Speranza Mario Vannini”. Questa la motivazione ufficiale ” i prestigiosi risultati ottenuti rappresentano motivo di orgoglio e vanto per tutti i siciliani. Il Vostro impegno ed il Vostro modo di interpretare l’attività sportiva, sono da esempio per chi ama i veri valori dello sport fondati sulla sana competizione e sul raggiungimento dei risultati attraverso una quotidiana applicazione fatta di sacrifici e rinunce”.
    In campo maschile l’Ancona & Palmizio Brolo giocherà mercoledì a Latina in posticipo il testa-coda contro Rieti in un girone C di B1 che vede i biancoblu ultimi ancora fermi a quota 0.
    Infine in B2 la seconda squadra cittadina, la Ricciardello Volley, è stata beffata a domicilio al quinto set dal Lamezia salendo ad 8 punti non lontana dalla zona calda.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.