PO FESR 2007-2013, AnciSicilia chiede la proroga per la rendicontazione

    PO FESR 2007-2013, AnciSicilia chiede la proroga per la rendicontazione

    PALERMO – L’AnciSicilia, in una lettera inviata al Presidente della Regione, Rosario Crocetta, e al dirigente generale del Dipartimento della Programmazione, Vincenzo Falgares, chiede una proroga dei termini di rendicontazione degli interventi di cui al Programma Operativo FESR Sicilia 2007/2013.
    “A seguito delle richieste pervenute da numerose amministrazioni locali – si legge nella nota – chiediamo che il termine del 31 dicembre 2015 venga prorogato per consentire la rendicontazione dei progetti finanziati a valere sul PO FESR 2007/2013. Come è noto i tempi originariamente previsti per la Programmazione sono slittati a causa degli iniziali ritardi accumulati per una serie di ragioni, tra cui la tardiva pubblicazione dei bandi e delle graduatorie degli interventi ammessi a finanziamento. A questo vanno aggiunti anche gli ulteriori ritardi determinati da specifiche problematiche tra le quali il temporaneo blocco della gestione contabile (dal 15/6/2015 al 13/8/2015 – disposto dalla Ragioneria Generale della Regione Siciliana con la Circolare n. 19 dell’11/6/2015 – Riaccertamento straordinario dei residui (di cui al comma 7 dell’art. 3 del D.Lgs. 118/2011), il ritardo nell’accreditamento delle somme dovute dai Dipartimenti regionali nonché la complessità dell’iter amministrativo per l’aggiudicazione dei bandi”.
    “In considerazione di ciò – conclude l’AnciSicilia nella nota – vi è il concretissimo rischio che la rendicontazione degli interventi non si riesca a chiudere entro la data prevista del 31 dicembre 2015. Da ciò deriverebbe non soltanto il definanziamento ma anche un prevedibile vasto e diffuso contenzioso tra le stazioni appaltanti, le imprese ed i professionisti ed il blocco di tutte le opere in fase di realizzazione”.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.