Sant’Agata Militello, la riqualificata Piazza Vicari riconsegnata alla collettività

    Sant’Agata Militello, la riqualificata Piazza Vicari riconsegnata alla collettività

    SANT’AGATA MILITELLO – Si è svolto nella riqualificata Piazza Vicari a Sant’Agata Militello, con le performance finali dei laboratori creativi svoltisi in autunno, il Festival finale del progetto “In the wood – Nel bosco”. “Nel mostrare grande compiacimento per la riqualificazione della Piazza intitolata a Enzo Vicari, prefetto di Milano negli anni difficili del terrorismo che ha avuto proprio i suoi natali a Sant’Agata, si ringraziano tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di un progetto innovativo e affascinate che durante tutto il proprio percorso ha superato ostacoli di ogni genere, prevalentemente burocratici, che però non hanno impedito che il risultato finale fosse stato centrato, visto che si è proceduto con una “simbolica e spontanea inaugurazione” di questa rinnovata piazza eletta, con grande soddisfazione, ad “agorà” dei Nebrodi che celebra oggi le espressioni artistico culturali aventi come filo conducente e fonte di ispirazione il bosco” ha dichiarato il primo cittadino santagatese Carmelo Sottile.
    Il sindaco si è congratulato con tutti gli artisti impegnati nelle 7 discipline: Land Art, Fotografia, Musica, Cinema, Arti Performative, Cucina a Km.0 e Design sostenibile, che hanno svolto il compito loro assegnato con grande professionalità e puntualità augurando che questa esperienza possa essere stata di arricchimento al proprio già corposo bagaglio professionale personale.
    “Oggi alla collettività viene consegnata una struttura fruibile ed adeguata alle giuste richieste di spazi idonei per svolgere attività artistico culturali ed altro. I cittadini si potranno considerare ancora più soddisfatti quando di qui a breve altre opere potranno essere consegnate e messe a disposizione di tutti” ha concluso Sottile.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.