La storia dell’Etna e delle sue eruzioni attraverso 500 anni di disegni

    La storia dell’Etna e delle sue eruzioni attraverso 500 anni di disegni

    CATANIA – venerdì 11 dicembre si terrà a Catania, presso l’Auditorium del Monastero dei Benedettini – P.zza Dante 32, la presentazione del libro “Il disegno delle eruzioni storiche dell’Etna. Percorsi iconografici dal XVI secolo ad oggi”, di Tiziana Abate, ricercatrice presso École Pratique des Hautes Études-Sorbonne, e Stefano Branca, primo ricercatore dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia-Osservatorio Etneo (INGV-OE).
    Il volume, edito da Caracol, ripercorre, attraverso una selezione delle rappresentazioni che hanno fatto la storia della cartografia dell’Etna, cinquecento anni – dal XVI secolo a oggi – in cui l’evoluzione del disegno delle eruzioni ha forgiato l’immaginario del territorio etneo.
    Il passaggio cruciale di questo racconto avviene nell’estate del 1833 a Berlino quando Wolfgang Sartorius di Waltershausen, giovane scienziato prussiano, manifesta al geologo Friedrich Hoffmann, autore della prima rappresentazione geognostica della Sicilia, la sua volontà di approntare una carta di dettaglio topografica e geologica dell’Etna. Quest’impresa cartografica, che rimarrà insuperata fino alla prima metà del Novecento, costituisce uno dei tanti percorsi iconografici raccontati in questo libro che ricostruisce la storia dell’Etna e delle sue eruzioni attraverso il disegno, inteso sia come oggetto di indagine sia come strumento di analisi, lente d’ingrandimento dietro cui verificare l’evolversi delle conoscenze vulcanologiche. Il risultato di questo approccio multidisciplinare ha permesso agli autori di raccontare i passaggi fondamentali che hanno segnato la storia della rappresentazione delle eruzioni dal XVI secolo fino alla moderna cartografia geologica del XXI secolo. L’indagine storica contribuisce non solo alla ricostruzione di un passato più o meno recente, ma indirettamente anche a radicare il senso della continuità col passato. La vasta e complessa ricerca di Stefano Branca e Tiziana Abate, riguarda esclusivamente le rappresentazioni grafiche dell’Etna in attività che permettano la localizzazione dell’eruzione sia nello spazio, perché l’evento è geograficamente localizzato, sia nel tempo, in quanto identificabile cronologicamente. Inoltre l’analisi è stata focalizza su tutte quelle rappresentazioni che hanno apportato delle novità al modo di descrivere gli eventi eruttivi dal punto di vista grafico.
    Il risultato scientifico di quest’opera è di aver promosso un nuovo indirizzo metodologico, che ha permesso di ricostruire la complessa storia dell’evoluzione del disegno delle eruzioni dell’Etna fino alla moderna cartografia geologica, aprendo nuove prospettive di ricerca nel campo dello studio dei fenomeni naturali e della loro interazione con le vicende umane e con la storia del territorio. Un viaggio nel tempo e nello spazio, attraverso quel meraviglioso sovrapporsi di coni e di colate che hanno forgiato il Monte Etna.
    Oltre ai curatori, interverranno, il Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania, Giancarlo Magnano San Lio, il Presidente dell’INGV, Stefano Gresta, il direttore dell’INGV-OE, Eugenio Privitera, il Direttore del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Catania, Carmelo Monaco.
    Introdurrà Edoardo Dotto, docente di Disegno dell’Architettura dell’Università di Catania.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.