L’Esperia Capo d’Orlando continua il calvario nella B di pallamano

    L’Esperia Capo d’Orlando continua il calvario nella B di pallamano

    L’Esperia Orlandina che non ti aspetti stecca al Concetto Lo Bello di Siracusa contro i ragazzini terribili dell’Albatro guidati da Gigi Rudilosso e vede allontanarsi il gruppetto di testa con una classifica di serie B maschile di pallamano che si fa adesso davvero anemica. I rosanero sono lontanissimi parenti della squadra che aveva convinto nelle prime uscite stagionali ed a Siracusa si sono accentuati i problemi di una squadra che detiene il secondo miglior attacco del torneo (220 reti all’attivo) ma ha ad oggi anche la peggior difesa (222 reti incassate), roba da non far dormire la notte coach Ciccio Lenzo che per consulti su come si difende pare abbia interpellato perfino il tecnico della sua Inter. Ed è la difesa rosanero che esce malconcia in questa strana trasferta mattutina, dimostrandosi inaffidabile e capace di sgretolarsi alle prime difficoltà. Eppure i rosanero
    erano partiti bene (1- al 5’) con Torre-Ioppolo e Costa. I padroni di casa però non si disuniscono e piazzano un primo parziale di 3-0 che li riporta avanti in una partita che scorre sul filo dell’equilibrio sino al 9-8 per i padroni di casa al 17’ quando i paladini si afflosciano e subiscono un parziale di 7-1 (16-9) che galvanizza i padroni di casa, al riposo lungo sul 19-12, sentenza anticipata. Nella ripresa ci si aspetta una reazione degli ospiti ma i paladini non ci mettono nè cuore e nè orgoglio come svuotati da ogni energia, chissà se per aver fatto le ore piccole alla vigilia. I siracusani affondano nella difesa paladina come il coltello nel burro e la ripresa è un affannoso quanto vano rincorrere dei paladini ma che al di là di un – 5 non riesce a produrre altro. Si chiude con un pirotecnico 37-34 che regala agli aretusei la seconda vittoria stagionale ed ai paladini una ben magra figura. “Squadra svogliata e con poca umiltà – attacca mister Lenzo- e la sconfitta è stata il giusto premio ad un atteggiamento irritante. Adesso dobbiamo scendere dal piedistallo delle nostre errate convinzioni, senza umiltà e spirito di sacrificio in un torneo come questo si fa poca strada”. Rosanero quindi che non si schiodano da quota otto e che domenica prossima ospiteranno al PalaValenti alle 15.30 la neocapolista Aetna Mascalucia. Una gara ostica e che vede gli etnei favoriti, sia per quello che hanno fatto in questo torneo sia per la pochezza di quest’ultima Esperia.
    CLASSIFICA

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.