Precari degli enti locali, venerdì sciopero generale. Adesione di Anci Sicilia

    Precari degli enti locali, venerdì sciopero generale. Adesione di Anci Sicilia

    PALERMO – L’AnciSicilia aderirà allo sciopero generale dei lavoratori precari della Regione, degli enti locali e della sanità, indetto da Cgil, Cisl e Uil per l’11 dicembre e invita tutti i sindaci dell’Isola a partecipare indossando la fascia tricolore.
    Lo ha deciso questa mattina l’Ufficio di Presidenza dell’Associazione spiegando che: “La decisione scaturisce da un lungo percorso che tiene conto della necessità di trovare una soluzione definitiva per uscire dalla logica delle proroghe e delle deroghe. Su questo tema il 13 maggio scorso abbiamo intrapreso un percorso di confronto con tutte le organizzazioni sindacali e di rappresentanza dei lavoratori precari, al termine del quale, il 16 luglio, è stato approvato un documento unitario trasmesso al governo nazionale e al governo regionale. Alla base del documento vi è la considerazione secondo la quale questo stato di cose va superato attraverso una possibile trasformazione del rapporto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato, in particolare nei comuni in dissesto e in quelli che hanno avviato il piano di riequilibrio”.
    “A questo si deve aggiungere che restano ancora sul tappeto tutti i temi posti dalla nostra Associazione all’attenzione del governo regionale lo scorso 1 dicembre: non si hanno, infatti, notizie di ulteriori trasferimenti da parte della Regione che consentirebbero di far fronte alle tante emergenze e all’ordinario pagamento di stipendi e fornitori. Infine, non bisogna dimenticare il delicatissimo tema della proroga dei termini di rendicontazione degli interventi di cui al Programma Operativo FESR Sicilia 2007/2013: ove non venisse accordata rischierebbe di produrre conseguenze catastrofiche per i comuni e per l’intera economia dell’Isola”.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.