In serie D il Due Torri vuol chiudere il 2015 casalingo in...

    In serie D il Due Torri vuol chiudere il 2015 casalingo in bellezza

    Ci siamo, poche ore ancora per vedere in campo i “gioiellini” del tecnico Venuto, che sono chiamati ancora una volta ad affrontare una squadra temibile che verrà all‟Enzo Vasi, non certo per una gita fuori porta, dato che l‟Agropoli già arrivato questa sera, viene dalla provincia di Salerno e domani vorrà fare la sua bella figura. Per il Due Torri, la missione è sempre la stessa, essere concentrati, affrontare l‟avversario senza guardare la classifica, almeno prima della partita, con l‟unico obiettivo di tenersi a Piraino, l‟intera posta messa in palio e nello stesso tempo rimanere una delle migliore difese italiane, che fino a questo momento gli sta garantendo con pieno merito il quarto posto nella graduatoria. Un posto di prestigio, per una piccola comunità che non raggiunge i 4000 abitanti, dove il calcio si vive e si conosce in campo e sugli spalti, con un record, che non è da poco, cioè quello di essere una società, una squadra che non conosce la retrocessione. “Noi dobbiamo fare, come sempre la nostra parte, essere bravi dietro ma anche cercare di mettere la palla nella porta avversaria, cosi si spiega in poche battute il tecnico Venuto, che dovrà fare a meno di D‟Amico squalificato ma che ha in rosa tantissimi bravi calciatori che quando vengono chiamati non fanno rimpiangere chi è assente. Contro l‟Agropoli, Venuto non lo dice chiaramente, ma si intuisce che il messaggio per i suoi ragazzi e proprio questo, “chiudere l’anno in serie positiva, allontanarsi più possibile dalla zona calda e magari togliersi qualche soddisfazione a fine stagione”. Per la gara casalinga contro L‟Agropoli sono stati convocati i seguenti giocatori:
    portieri: Ingrassia e Paterniti, difensori: Acquaviva, Cassaro, Matinella, Tricamo, Sciotto (‟97), centrocampisti: Scolaro, Cicirello (95‟), Calafiore (95‟), Marino (98‟), De Chiara (98‟), Postorino, Giacobbe, Pitarresi, Giannola (‟96), Lupica (‟99), Ricciardello („98), attaccanti: Palmeri (1998), Petrullo (96‟), Genovese (97‟).

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.