Patti, la Guardia di Finanza sequestra oltre 1100 articoli pericolosi

    Patti, la Guardia di Finanza sequestra oltre 1100 articoli pericolosi

    PATTI – La Guardia di Finanza della Tenenza di Patti ha sequestrato, nei giorni scorsi, oltre millecento articoli di varia natura non conformi alle normative in vigore. La mirata e capillare azione investigativa eseguita in diversi comuni dell’area di competenza territoriale, in particolare a Patti, Falcone, Gioiosa Marea e Montalbano Elicona, s’inquadra nel piano d’intensificazione dei servizi d’istituto predisposto in occasione dell’approssimarsi delle festività natalizie. Gli accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle hanno portato al sequestro di oltre mille pezzi di materiale elettrico vario, tra cui luminarie natalizie prive della prevista marcatura “CE” e non in regola con le altre prescrizioni stabilite dal codice del consumo. Tutta la merce sequestrata, infatti, era sprovvista dell’etichetta che ne indica la provenienza, i canali di importazione e le informazioni relative alla composizione. L’operazione ha, quindi, permesso di eliminare dal mercato beni potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori, la cui vendita avrebbe potuto fruttare oltre 7.000 euro. I responsabili delle violazioni contestate sono stati segnalati alla competenti autorità per l’applicazione delle sanzioni pecuniarie amministrative e per quelle accessorie, che prevedono la confisca dei prodotti sequestrati e la successiva distruzione.
    L’attività della Guardia di Finanza si pone il duplice obiettivo di tutelare, da un lato, i consumatori finali, che possono trovarsi ad acquistare inconsapevolmente, specie in questo periodo dell’anno, prodotti non sicuri come giocattoli e addobbi natalizi e, dall’altro, gli esercenti che operano quotidianamente nel rispetto delle leggi e che patiscono situazioni di concorrenza palesemente svantaggiose.

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.