Castell’Umberto, nel borgo antico di Castanìa il vernissage “Inumani”

    Castell’Umberto, nel borgo antico di Castanìa il vernissage “Inumani”

    CASTELL’UMBERTO – Sabato 26 dicembre dalle ore 17:00, all’interno del museo/ex frantoio di Castell’Umberto situato nell’antichissimo borgo di Castanìa, si terrà il vernissage di “INUMANI” , evento d’arte contemporanea che dal 26 al 30 dicembre 2015 ospiterà le opere di artisti italiani ed internazionali. Gaetano Chiarenza, Sea Creative, Luis Alberto Alvarez, Antonio Russo, Alessio Barchitta, Laura Marchese, Roberto Farinacci sono solo alcuni degli artisti che contribuiranno all’evento, con opere che metteranno in risalto le sfaccettature dell’inumanità.
    Inumani è uno spazio di lavoro condiviso all’interno del quale diverse realtà artistiche, culturali e sociali avranno la possibilità di incontrarsi e relazionarsi; Inumani è musica, con le melodie semplici ed armoniose del duo romano Vincent Butter e la voce da pelle d’oca di Iokoi; Inumani è teatro e poesia, con la drammaturgia di Viviana Isgrò e la sperimentazione del Collettivo Zen; Inumani è performance con il live painting dello Studio Sotterraneo; Inumani è cibo, un invito condiviso a scoprire le delizie del territorio, in un viaggio molto particolare dei sensi e del gusto.

    “INUMANI”, a Castell’Umberto (ME) – Vecchio Centro – all’interno del Museo/ex frantoio, dal 26 al 30 dicembre 2015 Orario: dalle 17:00 alle 24:00

    ►► EVENTI
    26/12 Vernissage // focus sulle opere alla presenza degli artisti
    27/12 Live Session: VINCENT BUTTER
    28/12 “IMMAGINARIA” spettacolo a cura di Viviana Isgrò e Collettivo Zen
    29/12 Live Painting e incontro con gli artisti dello STUDIO SOTTERRANEO di Roma
    30/12 Live Session: IOKOI

    ►► OSPITALITA’
    L’ostello “il girasole” di Castell’Umberto apre le porte a tutti gli Inumani che hanno intenzione di passare la notte vicino alla location dell’evento.
    Solamente con €12/persona avrai la possibilità di condividere lo spazio con amici ed artisti. Per info contattare Anita: 3891451041

    ►►FILOSOFIA MOSTRA
    L’Inumano è l’uomo “umano troppo umano”.
    Il progetto artistico Inumani prende avvio da qui: da me. L’uomo è al centro di tutto, l’uomo come entità, l’uomo come ego-io pensante, l’uomo come vittima e carnefice degli altri e di se stesso.
    Da un lato l’uomo contemporaneo, quello che vive la sua epoca da padrone del suo tempo e da ideatore delle macchine: quello che tutti vedono. L’uomo/inumano che si scontra con la realtà, che la trasforma a sua immagine, che la imbruttisce, che la vive, che la cambia, che la rinnova. E’ l’Inumano che si spinge oltre le colonne d’Ercole, che sfida il destino: l’artista, il costruttore, l’inventore, il manipolatore, lo scrittore, sicuro di sè e delle sue conoscenze. E’ l’inumano involucro e personaggio. Quello che si sveglia e si cambia d’abito. Quello che pensano che sia.
    Dall’altro l’animo umano, con la sua eterna scissione, lacerato da mondi inconciliabili e succube delle macchine: quello che nessuno vede. L’uomo/inumano vittima della realtà, della società, della politica del tempo, della sua persona, della sua inquietudine, in preda a passione, bramosia, ossessione, delirio di potenza. E’ l’uomo che si scontra con se stesso, nella sua solitudine di mortale, senza certezze, senza verità, senza appigli. E’ l’inumano nella sua interezza e fragilità. Quello che si sveglia e continua a sentirsi nudo. Quello che è.
    Il filo conduttore della mostra è la doppia visione di INUMANO ed il dualismo reale e concettuale che crea e genera.

    ►►ARTISTI IN MOSTRA
    Alessio Barchitta
    Antonio Russo
    Gaetano Chiarenza
    Giuseppe Siracusa
    La Maladolescenza
    Laura Marchese
    Luis Alberto Alvarez
    Luis Cutrone
    Marcello Amarù
    Marco Rizzo
    Nanni Licitra
    Roberto Farinacci
    Sea Creative

    Condividi:
    Giornalista professionista da marzo 2015, dal 2007 giornalista pubblicista. Avevo 20 anni la prima volta che ho messo piede in una redazione e non ne sono più uscita: ho iniziato a fare questo mestiere per caso e lo svolgo da un decennio, approfondendo l’esperienza e gli insegnamenti acquisiti “sul campo” con una laurea triennale in Tecnologie della comunicazione, all’Università di Messina nel 2007, e con la specialistica in Editoria, media e giornalismo a Urbino nel 2015. Ho una formazione e una esperienza “multimediale”: tv, radio, carta stampata, web. Ho curato, e curo tutt’ora, articoli, notiziari, approfondimenti, interviste, reportage, programmi e rubriche anche di respiro nazionale e internazionale. Conduco anche manifestazioni ed eventi di vario genere. Ho partecipato a numerosi scambi giovanili e workshop su vari temi (economico-sociali-istituzionali), in Italia e all’estero, mi piace conoscere sempre cose e persone nuove, non mi stanco mai di imparare. Mi occupo anche di politiche giovanili, progettazione europea, sviluppo valorizzazione e promozione del territorio, cultura, turismo, tradizioni popolari e iniziative legate al mondo rurale. Sono impegnata nel sociale e presiedo un’associazione culturale. Se potessi, vivrei viaggiando. Fin dall’inizio di questa avventura, sono la responsabile del progetto editoriale Anni60news.com.