Basket, in A2 Barcellona sprofonda e domenica arriva il Trapani

    Basket, in A2 Barcellona sprofonda e domenica arriva il Trapani

    Undici sconfitte in quattordici partite di serie A2, quattro nelle nelle ultime cinque. Il momento è delicato per La Briosa Barcellona e coach Maurizio Bartocci (sempre traballante la sua panchina) focalizza la sua analisi ancora una volta sull’atteggiamento tenuto in campo dalla squadra. “Non voglio parlare delle assenze (mancavano contemporaneamente Migliori, Cefarelli e Fallucca, ndc), voglio parlare di chi ha giocato perché se scendiamo in campo senza anima, senza cuore e senza desiderio, questo noi non ce lo possiamo permettere perché non siamo una squadra di talento ma dobbiamo guadagnarci ogni partita sbucciandoci le ginocchia, sudando e gettando il cuore oltre l’ostacolo. Non possiamo permetterci di giocare così neanche contro una squadra di Serie C, oggi tutte le palle vaganti sono andate alla Viola e questo una squadra che si vuole salvare non lo può permettere. Noi dobbiamo avere il fuoco dentro di giocarcela contro tutti in qualsiasi condizione, magari perderemo lo stesso ma non così. La Viola ha fatto la partita che mi aspettavo, una squadra di talento che si trova in questa posizione per sbaglio ma che ne sta uscendo con voglia e grinta. Ragazzi come Lupusor e Costa sono gli esempi di questo atteggiamento”. Era il match che per entrambe le contendenti valeva una stagione. La Viola Reggio Calabria al PalaCalafiore in uno scontro salvezza assolutamente da non fallire ha superato nettamente La Briosa Barcellona nella 14° giornata del campionato di A2 Ovest. Settimana movimentata in casa neroarancio con l’addio di Ghersetti e la decisione di mettere fuori squadra Mordente, a corrente alternata dal suo arrivo alla Viola. Al cospetto della squadra di Benedetto una squadra ancora più in crisi come Barcellona, che occupa l’ultimo posto in classifica, reduce dalla sconfitta casalinga contro Scafati e con tre uomini chiave fuori. Per la Viola due punti preziosissimi per la lotta salvezza in una giornata in cui in coda in tante hanno ottenuto punti. Barcellona con soli sei uomini ha potuto molto poco ma i progressi nelle ultime partite in casa Viola sono evidenti. Solidità espressa dal ’97 Lupusor e dal solito Rullo, seguiti a ruota da Dobbins e Brackins. Per Barcellona è l’undicesima sconfitta stagionale, La Briosa sola all’ultimo posto e seria candidata alla retrocessione. Servirà cambiare passo per provare a restare in vita in un 2016 che con queste premesse si annuncia essere molto difficile per i colori giallorossi. E domenica alle 18 al Palalberti arriva un Trapani quinto in classifica a quota 16 ma reduce dal ko interno nel derby con Agrigento e proprio per questo ancora più determinato a riprendere la marcia. Chissà se Bartocci riuscirà a recuperare qualche pedina e soprattutto l’americano Smith che sembra avere la testa altrove e le valigie pronte?

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.