Terme Vigliatore, amianto sul greto del Torrente Patrì

    Terme Vigliatore, amianto sul greto del Torrente Patrì

    Legambiente del Longano denuncia una massiccia presenza di amianto nell’alveo del torrente Patrì e in particolar modo nella zona Rocche di Marro, nel  comune di Terme Vigliatore. “Tali manufatti – scrive il presidente Carmelo Ceraolo – sono, quasi sempre, danneggiati ed essendo, inoltre, esposti agli agenti atmosferici, agli sbalzi termici e all’azione di microrganismi, si presentano, di norma, deteriorati in superficie. Il loro cattivo stato di conservazione determina affioramenti delle fibre di amianto e fenomeni di liberazione delle stesse. Tale situazione, oltre a causare un gravissimo inquinamento ambientale, produce un inaccettabile rischio per la salute dei cittadini. Il Torrente Patrì, ormai procedendo lungo il suo percorso risulta  contornato dalla presenza di microdiscariche, e in questo caso, di una vera e propria discarica con presenza di amianto e materiale da demolizione”. Legambiente del Longano chiede quindi al Sindaco di Terme Vigliatore, nella qualità di Pubblico Ufficiale, all’Asp di Messina, ai Carabinieri e alla Procura della Repubblica, di “intraprendere  iniziative  di controllo e contrasto, di queste forme di insostenibile offesa all’ambiente, che non possono che suscitare indignazione nei cittadini rispettosi delle regole di civile convivenza e rispetto per la natura  e l’ambiente”.

    Condividi: