Sok szerencsét Zozo Perl, ceduto dall’Orlandina a Treviso

    Sok szerencsét Zozo Perl, ceduto dall’Orlandina a Treviso

    Zoltan Perl, 22 anni a luglio, ungherese di Szombathely, è stato ceduto dalla Betaland al Treviso, nobile decaduta ora in serie A2. Perl, 195 cm, quest’anno con la squadra siciliana ha giocato 17 partite alla media di 4.5 punti a gara in 14.8 minuti di utilizzo medio. Ha un high stagionale di 17 punti realizzati contro la Reyer il 17 ottobre e di 7 rimbalzi con Torino il 17 ottobre. Ha il 45.7% da due e il 30% da tre con 2.3 rimbalzi.Nel 2015/16 ha viaggiato con Capo d’Orlando a 7.2 punti di media-partita. Doti fisiche e atletiche notevoli,può giocare indifferentemente nei ruoli di guardia e ala piccola. E’ agile e veloce, ama attaccare in transizione, forte nell’uno contro uno e sa essere pericoloso dalla media e lunga distanza. Ha esordito a soli 17 anni nel 2012/13 nella massima serie ungherese con la squadra della sua città, Falco-Szova K. Dall’anno successivo, nonostante la giovane età, è titolare nella prima lega ungherese (nel 201/14 gioca 33 gare con 11.1 punti, 2,7 rimbalzi e 2,5 assist), e del 2014/15 diventa addirittura già capitano della sua squadra. Ha chiuso il 2014/15 con 14.7 punti, 3.5 rimbalzi, 2.6 assist in 36 gare, prima di passare a Capo d’Orlando. Perl è già nel giro della nazionale maggiore del suo Paese, di cui ha fatto tutta la trafila nelle selezioni giovanili. Perl arriverà domani a Treviso e verrà presentato alla stampa prima dell’allenamento alle ore 17.00 nella palestra di Sant’Antonino. “Una storia iniziata con un provino – le parole di commiato del ds Giuseppe Sindoni -, una Fiat Punto e una multa per divieto di sosta: amore a prima vista, come quelli del liceo. Poi il quintetto per caso, momenti difficili, canestri decisivi e tanta, tanta dedizione. Oggi vai via da giocatore vero per raggiungere un traguardo importante in una delle cattedrali del basket. Grazie di tutto Bambi dal cuore di ghiaccio”. Perl era stato richiesto da parecchi altri club e la Betaland aveva anche provato a scambiarlo con il cavallo di ritorno Jasaitis ma non ha trovato l’accordo con Pesaro. Con il rientro imminente di capitan Nicevic la società biancoazzurra non dovrebbe fare mercato in entrata anche se i club di serie A potranno tesserare giocatori che militano nei campionati dilettantistici fino alle 11 del 31 marzo, mentre i giocatori provenienti dall’estero saranno tesserabili fino alle 11 del secondo giorno antecedente dei quarti di finale playoff.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.