Estorsioni Aias, condanna per Carmelo D’Amico

    Estorsioni Aias, condanna per Carmelo D’Amico

    Nel processo d’appello sulle estorsioni ai danni della sezione Aias di Milazzo, la Corte d’Appello di Messina ha condannato Carmelo D’Amico che in primo grado era stato assolto per insufficienza di prove. D’Amico dovrà scontare 4 anni e mezzo di reclusione. Riconosciuta l’attenuante della collaborazione con i magistrati. La Corte d’Appello, oltre alla condanna penale, ha disposto il risarcimento del danno nei confronti della parti civili, l’ex presidente Aias Luigi La Rosa, ed i comuni di Mazzarrà Sant’Andrea e Barcellona Pozzo di Gotto.

    Condividi: