Nebrodi, la Dia sequestra beni ad imprese agricole e ristoranti

    Nebrodi, la Dia sequestra beni ad imprese agricole e ristoranti

    La Dia di Catania, collaborata dalla sezione operativa di Messina, sta eseguendo un decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale della Città dello Stretto, su proposta avanzata dal direttore della Direzione investigativa antimafia nei confronti di un presunto capo di una cosca, federata con il clan Santapaola-Ercolano, operante nel territorio dei Nebrodi. Il provvedimento riguarda imprese, di cui l’indagato risulta disporre direttamente o indirettamente, operanti prettamente nel settore agricolo e nella ristorazione, numerosi terreni agricoli, fabbricati ubicati a Cesarò e Catania, diversi veicoli, centinaia di titoli ordinari Agea e rapporti finanziari in corso di quantificazione.
    Particolari sull’operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà nella sede della Dia di Messina alle 11, con il capo centro Dia, Renato Panvino, il procuratore Vincenzo Barbaro e magistrati della Dda della Città dello Stretto.

    Condividi: