Città S.Agata pronta al rush finale di Eccellenza

    Città S.Agata pronta al rush finale di Eccellenza

    Dopo la sconfitta di Scordia e dopo aver appreso la notizia del posticipo della 29′ giornata del girone B di Eccellenza a domenica 23, già da inizio settimana il S.Agata ha ripreso gli allenamenti, per arrivare al meglio a questo finale di stagione. Vero è che ancora aritmeticamente la post season non è stata conquistata, ma basterà battere il Pistunina per mettersi al riparo da qualsiasi insidia. In quest’ottica Zingales e compagni, stanno lavorando duramente, tra il Fresina e il centro wellnext, e lo hanno fatto fino a ieri. Poi è intenzione di mister Pasquale Ferrara, concedere due giorni di riposo ai suoi ragazzi. Il gruppo si ritroverà lunedi ad inizio della “Settimana Santa”, e svolgerà una seduta giornaliera fino a mercoledì. Giovedi, invece, è prevista una partita amichevole con la Santangiolese, il mattino successivo una seduta di scarico e poi il “rompete le righe”. La squadra tornerà ad allenarsi martedì 18, con la classica settimana tipo che si concluderà sabato 22 con la rifinitura in vista del match interno con il Pistunina. Sul fronte infortuni, out Sciotto e Longo, mentre per quanto riguarda Mincica, sta svolgendo delle terapia per eliminare il danno muscolare che si era procurato ad Avola. Se tutto andrà per il verso giusto, il giocatore potrebbe tornare disponibile per la trasferta di Taormina.allenamenti s.agata
    Vincendo col tennistico punteggio di 6-2 nella trasferta di Torrenova, i Giovanissimi del Città di S.Agata, concludono, come avevano cominciato la stagione. Per Sottile e compagni, è stato un percorso netto, esaltante, avendo centrato 10 vittorie in altrettante gare giocate. Alle stesse vanno aggiunte la sconfitta dell’andata contro la Free Time e la vittoria nel match di ritorno, match quest’ultimi che comunque non portano punti, visto che la compagine di Capo d’Orlando, partecipa a questo torneo “fuori classifica”. Con 30 punti, nel Girone A del Comitato Distrettuale di Barcellona Pozzo di Gotto, i baby biancoazzurri, hanno preceduto Città di Mistretta e Folgore S.Agata. Numeri parecchio importanti quelli dei santagatesi, che con 33 reti all’attivo, possono vantare anche il miglior attacco del raggruppamento, ma anche la migliore difesa, con appena 8 gol subiti. Antonino Alioto con 20 reti, è l’attuale capocannoniere di questo raggruppamento, da segnalare anche i 7 gol messi a segno da Alessio Trombetta, centrocampista con il vizietto del gol. Tornando alla partita odierna, nonostante il campo allentato dalla pioggia, il S.Agata, ha sciorinato una grande prestazione, fatta di pregevolissime trame di gioco, che però non sempre sono state concluse al meglio. I biancoazzurri, partono subito forte e con Rai di testa dopo pochi minuti sbloccano la contesa. Successivamente falliscono almeno tre nitide palle gol, e come spesso accade nel calcio, la Torrenovese perviene al pari con Hadek, abile a sfruttare uno svarione difensivo. A riportare la capolista in avanti, ci pensa Antonino Alioto, abile a trasformare un calcio di rigore. A il S.Agata potrebbe dilagare, ma la mira sotto porta, non è delle migliori. Nella ripresa, in mischia, la Torrenovese con Piccolo riacciuffa il risultato. I santagatesi, hanno il merito di non disunirsi, di continuare a cercare con insistenza la vittoria, e dopo il nuovo vantaggio siglato da Frusteri con un forte tiro sotto la traversa, dilagano con Alioto, secondo gol personale, Fichera e Trombetta. Al triplice fischio, grandi sorrisi ed entusiasmo tra i santagatesi, ma la testa è già proiettata ai play off.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.