Barcellona, aree a verde, pioggia di adozioni

    Barcellona, aree a verde, pioggia di adozioni

    Si moltiplicano le adozioni delle aree a verde nel territorio di Barcellona. Tra le ultime, delle oltre cinquanta che sono state già richieste da associazioni e privati, se ne segnalano tre. La prima è per la villetta comunale di una lottizzazione a Santa Venera, tra via Monsignor Bartolo Cambria e via Erice. L’area è piuttosto estesa e sarà adibita anche ad attività ricreative. Sarà curata dalla parrocchia comunità del quartiere Santa Venera. La seconda si riferisce ad un’altra villetta comunale, nel quartiere Sant’Antonio, in via Eolie e qui si attiverà la ditta “Fratelli Aricò”. In un ultimo c’è l’area di contrada Manno, in via Ragusa e sarà Pietro Buda, appassionato di agricoltura, ad occuparsi di questa terza villetta, in cui sono già stati sistemati alcuni giochi. Queste tre adozioni sono le ultime di una lunga serie, che sono state sollecitate dall’assessore al verde pubblico ed arredo urbano, Angelo Paride Pino. Il fenomeno delle adozioni, che, in passato, era stato annunciato, non aveva avuto i risultati che si stanno ottenendo adesso. Per l’amministrazione di Roberto Materia, che ha avviato in tal senso una campagna di sensibilizzazione, è importante che non siano solo le associazioni o i quartieri ad attivarsi, ma anche i privati che desiderano dare una veste migliore al proprio paese. Con questo nuovo “processo”, l’amministrazione si è assicurata la cura, non solo di quartieri vicini e lontani al centro cittadino, ma anche di importanti “reperti” della città. E’ accaduto per l’area a verde che circonda il villino Liberty, il perimetro del prestigioso sito, all’incrocio tra via Operai e via Roma; nel 2016 presentò richiesta di adozione la ditta “Invicta srl” di Tino Maio di Terme Vigliatore.

    Condividi: