Calcio, anno nuovo, vecchio Acr Messina

    Calcio, anno nuovo, vecchio Acr Messina

    Fermi tutti i campionati regionali per la pausa pasquale la scena del calcio dilettantistico o semi professionistico è stata occupata prima dalla serie D con l’Igea Virtus sempre terza nel girone I dominato dalla Sicula Leonzio, approdata al piano di sopra pur sconfitta a Rende dopo ben 15 vittorie di fila, con i barcellonesi in corsa per la pole position nella griglia dei play-off. Ieri è toccato all’Acr Messina in Lega Pro regalare ai suoi tifosi la vergognosa esibizione interna contro il modesto Melfi, ultimo in classifica ma vittorioso 4-3 in riva allo Stretto al termine di una gara che ha giustamente fatto infuriare il tecnico Cristiano Lucarelli. La salvezza non sembra in discussione anche se i play-out diventano nuovamente un incubo per i giallorossi, ma resta un uovo di Pasqua amaro per i tifosi peloritani e per tutti quelli, sempre meno, che ancora seguono il calcio a questi livelli. Un punteggio che era quotato fino a 301 volte la posta dalle varie agenzie di scommesse ufficiali, mentre lo 0-2 del primo tempo era dato a 27. Qualcuno si sarà sicuramente arricchito nella settimana seguita alla chiacchierata gara tra Parma ed Ancona e dopo lo scandalo della serie B spagnola dove un recente 12-0 ha visto coinvolto un club da poco gestito da italiani.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.