Calcio, finisce l’era Bucale nel Sinagra

    Calcio, finisce l’era Bucale nel Sinagra

    A poche settimane dalla fine della stagione, e con l’obiettivo salvezza in Promozione già raggiunto, arriva una decisione a sorpresa in casa Sinagra: il presidente Antonino Bucale, infatti, dopo il Consiglio direttivo dello scorso 12 aprile, ha annunciato – con una lettera – le sue dimissioni dalla carica di massimo dirigente giallorosso che “avranno effetto legale a decorrere dal 30/06/2017, data posta dalla Lega Calcio a conclusione della stagione sportiva 2016-2017”. Si chiude così un’era per il club nebroideo, che dopo 12 anni deve salutare Bucale che lascia “per motivi strettamente personali e familiari, lo faccio a pochi giorni dal raggiungimento del risultato sportivo che ci eravamo prefissati insieme ai soci all’inizio di questa stagione calcistica”. In questi ultimi mesi che precederanno l’addio ufficiale – si legge nella lettera – sarà cura del presidente “insieme alle persone che hanno collaborato a questo progetto e come da prassi consolidata di questa associazione che mi pregio di presiedere, chiudere tutte le posizioni pendenti nei confronti di tesserati, calciatori, prestatori d’opera, fornitori”. E, infine, anche un pensiero a chi ha lavorato per far diventare il Sinagra una realtà affermata in campo sportivo: “Voglio pubblicamente ringraziare chi è stato compagno di viaggio in questi 12 anni di impegno e responsabilità (8 da Dirigente e Vice-Presidente, 4 da Presidente) per questa splendida realtà sociale, prima ancora che sportiva. Un sentito grazie va ai dirigenti appassionati e leali, ai calciatori grandi e piccoli, ai fornitori, ai tifosi, ai numerosi partner che, affidandoci risorse economiche importanti, hanno riconosciuto nella mia persona i tratti della serietà e dell’onestà e alle amministrazioni comunali che si sono succedute. Un ringraziamento particolare va agli staff tecnici che si sono impegnati in questi quattro anni di mia Presidenza, in particolar modo all’allenatore Andrea Ioppolo che ha saputo incarnare, con grandi sacrifici e rinunce sul piano personale, valori di attaccamento a una causa che dovrebbero essere posti ad esempio per la crescita sociale di una piccola comunità. Nuova sfide si aprono per questa associazione nel campo sociale e della gestione delle strutture sportive e sono sicuro che i soci sapranno trovare al proprio interno forze fresche che possano dare continuità a questa splendida realtà. Il futuro può e deve essere ancora del Sinagra Calcio, associazione di cui resterò il primo abbonato e il primo tifoso”.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.