Capo d’Orlando, l’opposizione è al fianco dei precari del comune e presenta...

    Capo d’Orlando, l’opposizione è al fianco dei precari del comune e presenta una mozione sulla loro vertenza

    edf

    CAPO D’ORLANDO – Una mozione per chiedere all’amministrazione di pagare retribuzione e contributi arretrati relativi al periodo “novembre 2016-marzo 2017” a personale dipendente a tempo determinato. L’hanno presentata i consiglieri di opposizione Daniela Trifilò, Gaetano Sanfilippo, Alessio Micale, Angiolella Bottaro, Gaetano Gemmellaro e Sandro Gazia. Nella premessa della mozione che dovrà essere discussa in consiglio comunale e votata con appello nominale, è stato evidenziato come il comune di Capo d’Orlando non corrisponda regolarmente le retribuzioni e le contribuzioni al proprio personale dipendente a tempo determinato, pur avendo precisi obblighi di legge; ad oggi, ingiustificatamente, non sono state corrisposte le retribuzioni dal mese novembre 2016 a marzo 2017, ivi compresa la 13.ma mensilità, per un totale di sei mensilità arretrate, oltre quella corrente. E visto che il comune ricorre sistematicamente a copiose anticipazioni di cassa quale strumento per il pagamento delle spese correnti e dei debiti pregressi, che comportano peraltro l’esborso di significativi interessi, rendendo emergenti le criticità di cassa più volte evidenziate ed aggravando la situazione debitoria,
    l’assessorato regionale delle autonomie locali e della finanza pubblica, con decreto 94 del 13 Aprile 2017, ha concesso al comune paladino 1.265.946,90 euro, a saldo del contributo regionale del 2016, dopo aver erogato nel mese di dicembre 2016, un acconto pari a 859.772,46 euro per un totale di 2.125.719,36 euro, relativo all’85% del costo complessivo delle retribuzioni annue per tutti i lavoratori con contratto a tempo determinato. Con l’importo assegnato – è scritto ancora nella mozione – è possibile procedere al saldo delle spettanze arretrate (da novembre 2016 a marzo 2017, compresa la 13° mensilità. Nel corso degli anni, le organizzazioni sindacali hanno reiteratamente sollecitato il corretto adempimento delle prescrizioni di legge; il comune, però, non provvedendo a corrispondere tali retribuzioni e contribuzioni in maniera regolare, continuerà ad accrescere i provvedimenti di condanna alla rifusione delle spettanze, con ulteriore aggravio di spese legali ed eventuali sanzioni, creando contestualmente oltre al disagio ai lavoratori, comunque obbligati a garantire la propria prestazione, anche l‘appesantimento delle casse comunali e conseguentemente dei cittadini. Il comune di Capo d’Orlando ad oggi risulta essere l’unico a dover pagare tutte queste mensilità arretrate e tali circostanze contribuiscono negativamente al sereno svolgimento delle funzioni da ciascuno svolte per garantire la qualità dei singoli servizi offerti alla Cittadinanza. Premesso tutto questo, i consiglieri di opposizione chiedono di sottoporre al consiglio comunale questa mozione, quale atto di indirizzo, affinchè, con la sua approvazione, impegni il sindaco e la giunta a corrispondere nell’immediato ai predetti lavoratori il pagamento di tutte le mensilità arretrate, dal mese di novembre 2016 sino a marzo 2017, ivi compresa la 13° mensilità, regolarizzare la posizione contributiva dei lavoratori, procedere sistematicamente al puntuale pagamento delle spettanze e predisporre ogni utile iniziativa per pervenire alla possibile stabilizzazione del personale, anche al fine di non creare pregiudizio alla qualità dei servizi.

    Condividi: