I delfini “all’attacco” anche sulla costa tirrenica: l’allarme dei pescatori di Capo...

    I delfini “all’attacco” anche sulla costa tirrenica: l’allarme dei pescatori di Capo d’Orlando

    L’allarme era già stato lanciato dai pescatori delle Isole Eolie in gravi difficoltà a causa dell’invasione di delfini che fanno razzia del pescato e danneggiano le reti. Adesso lo stesso problema si è manifestato sulla costa tirrenica.
    Anche a Capo d’Orlando, infatti, da qualche tempo, i pescatori rientrano a terra con le reti vuote o quasi. Il fenomeno non è certo nuovo, ma ultimamente le incursioni sempre più frequenti dei delfini hanno fatto registrare un sostanziale calo del pescato.C’è chi, tra i pescatori del borgo di San Gregorio, lamenta addirittura una diminuzione pari quasi al 70% in meno. E non c’è modo di difendere il pescato dagli attacchi dei delfini che distruggono le reti in maniera irreparabile.
    Monica Blasi, responsabile di “Filicudi Wildlife” imputa il problema, tuttavia, alla mancanza di cibo derivante dal forte degrado degli habitat marini: “Non è assolutamente vero che i delfini sono aumentati. La verità è che questi animali hanno molta più fame di prima perché manca il cibo. Il forte degrado degli habitat marini dovuto al sovra sfruttamento delle risorse ittiche da parte dei grandi pescherecci commerciali ha portato negli ultimi anni questi animali a interagire maggiormente con questi attrezzi da pesca dove trovano risorse alimentari sicure”.
    Nelle isole Eolie si sta per avviare la sperimentazione dei dissuasori acustici per tenere lontani i delfini dagli attrezzi da pesca.

    Condividi: