Calcio giovanile: applausi e premi per la Tyrrenium

    Calcio giovanile: applausi e premi per la Tyrrenium

    Si è conclusa con successo la partecipazione della scuola calcio Tyrrenium ai campionati regionali organizzati dal Centro Sportivo Educativo Nazionale a Marina di Ragusa. Divertimento e sport è stato il connubio dell’evento in cui oltre al calcio, erano in palio i titoli di tante altre discipline sportive. Ottimo il bottino per la squadra tirrenico-nebroidea, che ha ben figurato in tutte le categorie presenti, ottenendo il titolo di campione regionale nella categoria Pulcini dopo aver superato tutte le compagini in gara e battendo nella fase finale Pozzallo, Siracusa Calcio (ai calci di rigore) e Villafranca Tirrenica in una combattutissima finale tutta messinese vinta per 1-0 dai ragazzi di mister Nicola Pelleriti. Da evidenziare il premio come miglior giocatore di categoria al pattese Salvatore Crifò classe 2006. Ottimo anche il secondo posto tra gli Allievi, e terzo nei Primi Calci. Erano presenti anche Esordienti e Giovanissimi, guidati dai mister Gaetano Scardino e Nino Galbato. Massimo momento di sport nella categoria Piccoli Amici in cui i bimbi più piccoli si sono confrontati sotto gli occhi divertiti di genitori e parenti, pronti a sostenerli e applaudirli durante le gare. Fiore all’occhiello della categoria, il riconoscimento al gioiosano Mauro Granata, classe 2010, vincitore del premio quale miglior miglior giocatore.mauro granata Alla società tutta, attraverso il responsabile Tino Mastrolembo, i complimenti degli organizzatori regionali e del delegato Coni per l’attività svolta.

    tyrrenium

    tyrrenium0

    tyrrenium1

    tyrrenium2

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.