I delfini e i danni al pescato, Mancuso chiede l’intervento del governo

    I delfini e i danni al pescato, Mancuso chiede l’intervento del governo

    La problematica dei delfini nel basso Mar Tirreno assume sempre di più le dimensioni di una vera e propria calamità per le marineria delle Eolie e della costa tirrenica siciliana, costrette a subire danni insostenibili per la già sofferente economia del settore.
    Il sovrappopolamento dei delfini e la scarsa presenza di cibo che li rende più aggressivi, costituisce una vera e propria insidia per l’attività di pesca in quanto i mammiferi ormai attaccano abitualmente le reti dei pescatori per cibarsi del pescato, recando danni irreparabili alle attrezzature di pesca.
    “Dopo avere sottoscritto un’interrogazione del senatore Ranucci sulla delicata problematica – afferma il Senatore Bruno Mancuso – ho incontrato il sottosegretario con delega alla pesca,Giuseppe Castiglione, cui ho rappresentato la questione evidenziando gli enormi problemi che sta creando al comparto pesca, in particolare nel basso Tirreno.
    Ho chiesto – prosegue Mancuso – un tempestivo intervento del governo per tentare di mettere in campo soluzioni mitigative se non risolutive. Il sottosegretario Castiglione si è intanto impegnato a convocare al più presto, presso la prefettura di Messina, gli operatori del settore e le componenti interessate per una riunione tecnica sulla delicatissima tematica.

    Condividi: