Pallamano, l’Esperia con la festa di Agrigento chiude la 23^ stagione

    Pallamano, l’Esperia con la festa di Agrigento chiude la 23^ stagione

    Si chiude con il gran galà di Agrigento il campionato di serie B dell’Esperia Orlandina. I rosanero sono stati attori comprimari nella grande giornata del club biancazzurro recitando la loro parte senza infamia e senza lode. Gara che richiama il grande pubblico allo sport village, accorso per tributare il giusto applauso ai ragazzi di Maurizio Camilleri, che coronano uno straordinario campionato regalandosi anche il titolo di campione regionale battendo sul filo di lana la strafavorita Haenna. I sessanta minuti sona la sintesi della stagione degli agrigentini. Squadra compatta, preparata sotto il profilo atletico, pronta a ripartenze micidiali che spesso devastano partita ed avversari. Il match è stata una festa sin dalle prime battutte. I rosanero pur rimaneggiatissimi (soli 9 uomini a referto) non sfigurano perdendo comunque 40-27 con l’ala Francesco Gazia top scorer a quota 11 reti. Al triplice fischio di Cosenza e Stella ed alla presenza del presidente regionale Piraino parte la festa e l’incontenibile gioia dei padroni di casa che con la tredicesima vittoria stagionale saluta il campionato cadetto e fa il suo trionfale ingresso nel campionato di A2 da regina della classe. ”Gara molto frenetica- chiosa il mister di giornata Lenzo- e veloce, noi abbiamo dovuto fare di necessità virtù e senza i nostri tiratori (Torre e Mazzù) e senza rotazioni abbiamo comunque fatto una gara discreta. L’Agrigento ha dimostrato di essere la squadra più continua e credo che il loro exploit sia più che meritato e soprattutto indiscutibile. Complimenti alla società ed a Camilleri che ha saputo trovare la giusta quadratura”. Per i rosanero va in archivio il 23esimo campionato consecutivo, travagliato e pieno di contrattempi ma che i rosanero hanno saputo onorare sino alla fine. Adesso a bocce ferme e dopo il fisiologico riposo sarà onore ed onere della dirigenza paladini cominciare a lavorare per gettare le basi della prossima stagione.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.