Liquami nel torrente Patrì tra Milici e Rodì; la denuncia di Legambiente

    Liquami nel torrente Patrì tra Milici e Rodì; la denuncia di Legambiente

    REDAZIONE – Il presidente del Circolo Legambiente del Longano, Carmelo Ceraolo, attraverso una nota rende noto che dopo un sopralluogo effettuato con alcuni volontari lungo il corso del Torrente Patrì in direzione mare/monte – ricadente in territorio del Comune di Rodì Milici – e precisamente nel tratto compreso tra la Via Coppola e l’abitato di Milici, si è potuto appurare uno stato di degrado dell’ambiente relativo allo sversamento di liquami fognari in diversi tratti del suddetto Torrente e precisamente in relitto d’alveo e altri direttamente in alveo, con evidente elevato stato di degrado ambientale riconducibile seguendo il percorso di essa alla condotta fognaria che proviene dall’abitato di Milici. Dall’analisi si evince che i liquami di origine organica sverserebbero da molti mesi nel Torrente mischiandosi alle acque bianche con un inquinamento inevitabile e gli odori nauseabondi conseguenti. “Il fenomeno”, si legge nella nota, “crea notevoli disagi e problemi di natura igienico-sanitaria, (in zona vi è la presenza di “Villa Laura ” luogo di villeggiatura), favorendo altresì la proliferazione di insetti molesti e fastidiosi. Dal suddetto sopralluogo”, prosegue Ceraolo, “abbiamo potuto appurare, inoltre, che lungo tutto il tratto da noi percorso molti sono i cumuli di rifiuti (speciali e non) di ogni sorta, costituiti in prevalenza da materiali di risulta, nonché da rifiuti solidi urbani di chi si ostina a non fare la raccolta differenziata”.
    Legambiente del Longano, per questi motivi, chiede agli organi in indirizzo di voler predisporre sopralluogo atto a verificare lo stato di funzionamento della rete fognaria e in un immediato intervento per risolvere il delicato problema a tutela della salute dei cittadini e dell’ecosistema.

    Condividi:
    giuseppe.spignola (at) anni60news.com Giuseppe Spignola, giornalista, autore, speaker e conduttore radio/tv. Sono da sempre un grande appassionato di musica, media, giornalismo e comunicazione. Già dalla giovane età (sono nato nel luglio del 1975), ho cominciato a frequentare il mondo della radio e dei media in generale, seguendone costantemente l’evoluzione tecnologica, aggiornandomi e facendo diventare la mia passione un vero e proprio lavoro che svolgo da professionista ormai da oltre vent’anni di cui quasi dieci in forza al gruppo Radio Italia con esperienze di lavoro anche in ambito nazionale presso la sede centrale di Milano del Gruppo. Dal 2010 organico di Radio Italia Anni 60 (Eventi Srl); dal 2012 iscritto all’Albo Nazionale dei Giornalisti nell’elenco Pubblicisti, sono redattore di anni60news.com, collaboro con il Giornale di Sicilia e con alcune emittenti televisive. Nella mia attività, organizzo e presento eventi di informazione, intrattenimento e varietà; il mio primo amore però è la radio dove curo e conduco ogni giorno il programma Anni 60 Magazine che si occupa anche di rubriche e interviste che faccio a vari personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, della politica e della società. Sono un cultore della musica e dello stile di vita degli anni 80; amo i motori: in particolare la Vespa e le auto. Nel tempo libero viaggio, ascolto, osservo, scrivo, leggo.