La Betaland sogna con Giuseppe Sindoni miglior dirigente italiano

    La Betaland sogna con Giuseppe Sindoni miglior dirigente italiano

    Archiviata la stagione regolare, cominceranno con Milano-Capo d’Orlando venerdì sera alle ore 20.45 i Playoff Scudetto 2016/2017 del campionato di Serie A PosteMobile 2016/2017 e si concluderanno tra il 16 e il 22 giugno. Un mese di sogni, un mese di speranze ed emozioni. Sono sette le squadre che confermano la partecipazione alla post-season, unica novità proprio la Betaland Capo d’Orlando, che daranno la caccia all’Olimpia Milano campione in carica. La formula dei Playoff, che verranno trasmessi da Rai Sport (che trasmetterà garauno) e Sky Sport 2 (domenica alle 19.30), è semplice: i quarti di finale si giocheranno al meglio delle 5 gare (3 vinte per passare il turno), mentre le semifinali e la finale sarà al meglio delle 7 partite (per portare a casa la vittoria saranno necessarie 4 vittorie). Un sogno diventato realtà, Capo d’Orlando tra le prime otto d’Italia. La Betaland sfiderà nei quarti di finale dei Playoff Scudetto l’EA7 Emporio Armani Milano. Una serie storica, per una cittadina che rappresenta la Sicilia con l’orgoglio di aver disputato una stagione fantastica. In vista di Gara-3, in programma martedì 16 maggio alle ore 20:30, ecco modalità, date e orari per l’acquisto dei ticket. È già possibile per gli abbonati confermare il proprio posto per assistere alla gara tra Olimpia Milano e Orlandina Basket recandosi presso la Sede Sociale di Via Beppe Alfano 1 entro le ore 12 di domani. Immediatamente dopo scatterà la vendita libera dei tagliandi per assistere alla terza gara della serie Playoff Scudetto 2016/2017.
    Di seguito i prezzi dei ticket:
    GRADINATA RIDOTTO 16,50€*
    GRADINATA 21,50€*
    TRIBUNA ALTA 28,50€*
    TRIBUNA BASSA 33,50€*
    PARTERRE 48,50€*
    *Al costo del ticket andrà aggiunto 1,50€ di diritto di prevendita.
    La grande stagione della Betaland Capo d’Orlando, qualificatasi ai Playoff Scudetto, ottiene anche riconoscimenti nazionali. La Legabasket Serie A, infatti, ha premiato il Direttore Sportivo dell’Orlandina Basket, Giuseppe Sindoni, come miglior dirigente per la stagione 2016/2017: con 138 voti il DS della Betaland Capo d’Orlando, che sarà ospite di Radio Italia anni 60 in Basket a Spicchi dalle 19 di venerdi, ha preceduto Salvatore Trainotti della Dolomiti Energia Trentino (87 voti) e Nicola Alberani della Sidigas Avellino (76 voti), vincitore della scorsa edizione. Tra gli allenatori, invece, Gennaro Di Carlo si è piazzato terzo dietro l’ex Vincenzino Esposito (Pistoia) e De Raffaele (Venezia). Nel giorno in cui conquista i play off la Betaland Capo d’Orlando ha realizzato il record stagionale di assist in una partita in questo campionato. 31 in totale che battono i 30 che aveva realizzato Milano contro Cremona alla quinta giornata. Record personale in campionato per Antonio Iannuzzi che realizza 24 punti in 21 minuti nella partita contro Pesaro che ha consegnato l’ottavo posto nella griglia playoff alla Betaland. Iannuzzi realizza anche la sua miglior valutazione in carriera con i 28 fatti registrare ieri. 11 tiri da due realizzati sono la miglior prestazione per un giocatore italiano in questo campionato e la quarta in assoluto. Solo Peric (13), Fesenko (13) e Czyz (12) hanno fatto meglio in questa stagione. Iannuzzi detiene anche il record per il miglior rapporto punti/minuti del campionato per la Betaland. Con i 17 punti in 19 minuti realizzati alla settima giornata contro Cremona aveva fatto registrare 1.12 punti al minuto e il record per un giocatore di Capo d’Orlando. Nella partita di domenica ha ritoccato il record grazie ai 1.14 punti al minuto. Per Diener eguagliato il record stagionale: 21 punti per lui anche alla sedicesima giornata contro Milano e alla diciottesima contro Torino. Record in carriera sono i 44 punti realizzati il 16 Marzo 2014 contro Venezia quando vestiva la maglia di Sassari.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.