Pallavolo: Capo d’Orlando vicina allo sbarco in serie D

    Pallavolo: Capo d’Orlando vicina allo sbarco in serie D

    La Fai Plast Capo d’Orlando vede più vicino il traguardo della promozione in Serie D e potrebbe festeggiare già domenica l’importante risultato. Battendo per 3-1 la PGS Luce Don Bosco al PalaRescifina di Messina, l’Orlandina Volley ha infatti portato la serie sull’1-0 e avrà la possibilità di chiuderla già domenica 14 maggio in gara 2, che si disputerà alle 19:30 alla palestra dell’Ipaa di C.da Santa Lucia, a Capo d’Orlando. Grande prestazione di squadra per le paladine al PalaRescifina, che impattano molto bene alla gara, andando sul +8 in avvio (10-18). Non si fa però attendere la reazione delle messinesi, che si rifanno sotto sul -1 (18-19), ma il muro di Lo Presti dà il via al break vincente nel finale, con il primo set che si chiude sul 21-25. Nel secondo parziale partono meglio le padrone di casa, che si portano sul +5 (15-10), ma le paladine non mollano e in un amen riportano il punteggio in parità a quota 18, passando in vantaggio con Mazzurco, che firma anche l’ultimo punto del set, vinto dalla Fai Plast per 22-25. La PGS Luce dimostra di essere dura a mollare e, sotto per 2 set a 0, parte bene anche nel terzo periodo, andando sul +3 (12-9). Con Mazzurco in battuta l’Orlandina ricuce e passa in vantaggio con un break di 3-11 che porta le paladine sul +5 (15-20). Arriva però veemente la risposta delle padrone di casa, che con un favoloso break di 10-0 chiudono il set in proprio favore per 25-20. Le messinesi continuano bene anche in avvio quarto set, andando sul +6 (8-2). Quando arriva però il turno di battuta di Cammaroto, che consente alle paladine di rifarsi sotto, passando in vantaggio con Lazzaro (13-16). La PGS Luce ne ha ancora e mette di nuovo il naso avanti sul 17-16, ma la Fai Plast vede ormai vicino l’obiettivo e, con una grande prova di forza, riesce a chiudere il set sul 23-25. “Sono molto contento dell’atteggiamento che abbiamo dimostrato – dichiara coach Walmi Fontanot -, abbiamo incontrato una formazione ostica, che aveva perso un solo set in tutta la regular season e non era certamente semplice. Siamo riuscite a fare una prestazione di alto livello, con pochi errori, ed è ancora più importante perché siamo riuscite a batterle in casa loro. Abbiamo avuto grande determinazione difensiva e lucidità in ricostruzione nei momenti che contavano, soprattutto grazie alle grandi prestazioni di Mazzurco e Cammaroto, ma sono molto contento di come sono riuscite ad essere pronte mentalmente Basile e Lo Presti, entrate dalla panchina e subito efficaci. Dobbiamo imparare a non complicarci la vita, evitando errori banali avremmo potuto fare un gap e chiuderla anche al terzo set, ma purtroppo abbiamo pagato un calo di tensione nel finale, sbagliando sia in difesa che in attacco. Nel quarto set mi è però piaciuta la risposta di tutte e tredici le mie ragazze, che dopo aver perso un set sono riuscite a ritrovare la concentrazione per ripartire. Quello che alleno è un grande gruppo, con una grande energia, e quando si rema tutti nello stesso senso vincere è ancora più bello. C’è anche da dire che questa vittoria vale di più perché le avversarie non ci hanno regalato nulla, hanno sbagliato pochissimo e sicuramente domenica in casa non sarà facile. Adesso conosciamo meglio le nostre avversarie, abbiamo fatto un piccolo passo, ma il grosso è ancora da fare, nei playoff ogni partita è una gara a sé e lavoreremo ragionando come se fossimo ancora 0-0, anche perché non è ancora finita”.

    Condividi:
    claudio.argiri (at) anni60news.com Direttore per amicizia con un contratto a vita fino a prova contraria, cerco di meritarmi il posto mettendoci un pizzico di bravura, serietà e tanta passione che mi derivano da oltre 20 anni di onorata carriera molto part time avendo, per fortuna e capacità, anche un altro impiego. Modestia a parte, il curriculum non è niente male, spaziando tra quotidiani, settimanali e chi più ne ha più ne metta, e va al di là dello sport che seguo da quando sono nato. Qui ci sto bene, per cui penso proprio che ci starò fino alla pensione, convinto che il progetto è molto valido e continueremo a raccogliere frutti sempre più copiosi. Nell'attesa Direttissima 60 che mi pregio di condurre sta diventando quasi maggiorenne e regala ogni qualvolta gioca le emozioni dell'Orlandina basket, e non solo. Da quest'anno conduco anche il contenitore del venerdi "Un calcio alla palla", storie, curiosità ed aneddoti del mondo pallonaro e dello sport in genere.