Sant’Agata Militello, due arresti effettuati dai carabinieri

    Sant’Agata Militello, due arresti effettuati dai carabinieri

    SANT’AGATA MILITELLO – I Carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello, nel pomeriggio di ieri, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere nei confronti di Arcodia Alfio, 61enne di San Marco d’Alunzio, già agli arresti domiciliari, poiché ritenuto responsabile del reato di tentato omicidio aggravato. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dal Giudice del Tribunale di Messina in accoglimento dell’appello proposto dal Pubblico Ministero del Tribunale di Patti a seguito della sentenza di rigetto sul ricorso in cassazione presentato dai difensori del prevenuto, sulla inadeguatezza della custodia cautelare in carcere. L’interessato era stato arrestato in flagranza di reato in data 14 agosto 2016 a San Marco d’Alunzio, allorquando,al culmine di una lite scaturita per futili motivi, armato di coltello aveva sferrato un fendente alla gola di un suo compaesano vicino di podere. Nella circostanza la vittima veniva immediatamente trasportata presso l’ospedale di Sant’Agata di Militello dove a seguito di intervento chirurgico veniva, fortunatamente, dichiarata non in pericolo di vita.
    Sempre nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello hanno anche tratto in arresto, in esecuzione di ordine di carcerazione per cumulo pene emesso dalla Procura Generale della Corte di Appello di Messina, Mostaccio Pietro, 37enne di Sant’Agata di Militello, dovendo il medesimo espiare la pena di anni 2 e mesi 7 di reclusione poiché riconosciuto colpevole dei reati di estorsione, rapina e violazione degli obblighi della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.
    Gli arrestati, informate le Autorità Giudiziarie competenti, dopo le formalità di rito sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto.

    Condividi: